Live Sicilia

L'accusa di Crocetta

Affondo su Cas e Bevilacqua
"Parcelle d'oro, si indaghi"


"Per l'ingegnere parcelle da 20 milioni. La sensazione è che si facciano affidamenti per aggirare la legge che prevede la gara pubblica per certi importi"


bevilacqua, cas, crocetta
PALERMO-
Rosario Crocetta parla a 360 gradi delle "ruberie e delle frodi" ai danni della Regione e pesca dal cilindro l'ennesima denuncia di sprechi. Questa volta riguarda il Consorzio autostrade siciliane e parcelle "da venti milioni di euro" per progettazioni "nonostante l'ente affidi da 40 anni questo compito alla Technital". "E' un modo per aggirare la legge sugli appalti", spiega il presidente della Regione che alla fine fa il nome dell'ingegnere Nino Bevilacqua, alla guida dell'Autorità portuale di Palermo. "E' un modo per aggirare la legge sugli appalti, perchè così Bevilacqua si può beccare tutti gli appalti per sempre. Sembrerebbe che questo ingegnere becchi parcelle da 20 milioni - dice Crocetta -. Ma allora la Technital che ci sta a fare? La sensazione è che si facciano affidamenti per aggirare la legge che prevede la gara pubblica per certi importi. Così Bevilacqua prende la progettazione e la direzione dei lavori. Diversi dirigenti hanno cercato di revocare questi affidamenti del Consorzio autostrade - aggiunge - e stranamente sono dovuti andare via". Il governatore annuncia che informerà della vicenda la magistratura. "Credo che farò una bella chiacchierata con la Procura. Si tratta di fatti noti nel Palazzo del potere, ma nessuno denuncia. Io voglio andare duro, per scardinare questo sistema degli affari sugli affari".