Live Sicilia

GUADAGNA, Scuola Angelo Custode

Tavolo tecnico al Comune
Lo Cascio: "La scuola resta lì"


Riunione operativa, alla Quinta commissione, per la scuola elementare Angelo Custode che rischia la chiusura per alcuni problemi strutturali. "Un primo passo importante - dice il vicepresidente Lo Cascio - per lasciare un presidio di legalità nel quartiere".

VOTA
5/5
6 voti

angelo custode, Lo Cascio

Il consigliere Udc Giovanni Lo Cascio



PALERMO - Buone notizie per la scuola elementare Angelo Custode del quaritere Guadagna a Palermo, di cui Livesicilia si era già occupata lo scorso novembre (
clicca qui per l'articolo e il video).

Stamane, infatti, presso la Quinta commissione del comune di Palermo si è tenuta una riunione operativa, su iniziativa del vicepresidente Giovanni Lo Cascio (Udc), che ha messo attorno a un tavolo l'opera pia Cardinale Ruffini, proprietaria dell'immobile che ospita alcune classi della scuola elementare, il preside Vito Pecoraro e l'assessore alla Scuola Barbara Evola.

"L'opera pia si è detta disponibile a non mandare via la scuola - dice Lo Cascio - e questo è già un importante risultato per evitare che un territorio sensibile come la Guadagna venga privato di un presidio dello Stato. Inoltre, l'opera è pronta ad aprire anche un micro asilo nido da 400 metri quadrati e 25 posti, che sarà uno dei più grandi della città, a piano terra".

La struttura, infatti, presenta enormi problemi di sicurezza specie al secondo piano, ormai chiuso, e anche al primo che ospita alcune classi della scuola elementare. "Il preside - continua Lo Cascio - si è detto disponibile a trasferire qui anche alcune classi della scuola media, per andare incontro alle famiglie, ma serviranno alcune condizioni minime di sicurezza. Intanto la scuola si farà carico di alcuni primi interventi a proprie spese".

Spiragli che fanno ben sperare le mamme degli alunni, che hanno anche raccolto un centinaio di firme per evitare la chiusura del plesso. "Siamo dovuti intervenire come commissione - conclude Lo Cascio - visto che il tentativo del presidente della Terza circoscrizione era andato a vuoto. Contiamo di risolvere il problema e ci riaggiorneremo dopo le feste".

LA REPLICA

Antonino Santangelo



"In riferimento alle problematica relativa al plesso scolastico Angelo Custode, la Terza circoscrizione - dice il presidente Santangelo - tiene a precisare che è stata la prima ad attivarsi per la soluzione del plesso stesso, in quanto ha organizzato fin da subito un tavolo tecnico alla presenza dell'assessire Barbara Evola, del dirigente scolastico Vito Pecoraro con il coinvolgimento dei genitori, portando la nostra solidarietà e il nostro impegno affinchè si trovasse una soluzione definitiva. Pertanto in riferimento alla dichiarazione del Consigliere Lo cascio, si dichiara che la circoscrizione nelle sue possibilità si è attivata ed è stato lo stesso assessore, Barbara Evola, convocata in consiglio il 18 ottobre, a non aver trovato una soluzione idonea al problema sollevato. Per tanto il consigliere Lo cascio commette un errore grave quando attribuisce al Presidente Santangerlo "l'intervento a vuoto". Invece noi premiamo il suo impegno perchè anche lui come noi sta partecipando attivamente alla risoluzione della problematica. Se di intervento a vuoto si deve parlare, quello è da attribuire alla Evola, in quanto organo preposto".