Live Sicilia

operazione delle fiamme gialle

Truffa su contributi comunitari,
sequestrato un agriturismo


La guardia di finanza ha posto sotto sequestro un'azienda agricola di Caccamo e beni e denaro per oltre 250 mila euro ritenuti frutto della truffa aggravata commessa da due coniugi palermitani, Leonardo Panzeca e Maria Rosa Leanza, sottoposti all'obbligo di soggiorno.

VOTA
1/5
7 voti

agriturismo, caccamo, coniugi, fondi europei, palermo, sequestro, truffa
PALERMO - Sono accusati di truffa aggravata. Leonardo Panzeca, 60 anni, e Maria Rosa Leanza, di 55 - marito e moglie - sono stati denunciati dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza. Per loro è scattata la misura dell'obbligo di soggiorno decisa dal giudice per le indagini preliminari Michele Alaimo. Sotto sequestro è finito l'agriturismo Bosco, a Caccamo, e somme di denaro per oltre 250 mila euro.

La coppia avrebbe intascato indebitamente grossi finanziamenti nazionali e comunitari per la realizzazione dell'azienda agricola, sfruttando i fondi destinati all'imprenditoria femminile e quelli del Por, il programma operativo regionale.

Gli indagati avrebbero costruito un castello di carte - fra assegni e fatture false - con cui giustificare spese in realtà mai sostenute. In questa maniera avrebbero raggirato l'istituto bancario incaricato dalla Regione di istruire la pratica di finanziamento ed erogare la quota del contributo. Quei 250 mila euro ora sotto sequestro.