Live Sicilia

L'assessore Dario Cartabellotta

"Un errore usare quel logo
Utilizzeremo giornalisti interni"


Sulla vicenda del comunicato stampa firmato da una società esterna, l'assessore alle Risorse agricole spiega: "I privati hanno fornito un aiuto, a titolo gratuito, all'agricoltura siciliana, non a me. Adesso, per le attività di comunicazione ci serviremo dei dipendenti regionali e gli amici che vorranno dare una mano".

VOTA
2.9/5
19 voti

cartabellotta, consulenti, giornalisti
L'assessore alle Risorse agricole, Dario Cartabellotta
PALERMO - Un errore c'è stato, e ad ammetterlo è stato lo stesso assessore Dario Cartabellotta. Il logo di una società di comunicazione in un comunicato diramato dall'assessorato regionale alle Risorse Agricole e Alimentari, non ci doveva stare.

La polemica era scoppiata quando il comitato di redazione dell'ex Ufficio stampa della Regione, “defenestrato” dal presidente Crocetta, aveva denunciato l'affidamento della comunicazione istituzionali ad esterni. Dopo la replica dell'ex sindaco di Gela, che aveva bollato come “calunnie” quelle accuse, ecco spuntare, come rivelato da Live Sicilia, un comunicato stampa firmato da una società privata, la “Gran Via srl”.

Oggetto della nota, il mercato 'Campagna amica' della Coldiretti, dove “l’Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Alimentari Dario Cartabellotta, incontrerà produttori e consumatori per il tradizionale scambio di auguri natalizi e incentivare il consumo delle produzioni agroalimentari siciliane”.

E proprio la “Gran Via srl” avrebbe segnalato l'evento all'assessore: “Questa società con cui avevo collaborato ai tempi in cui ero direttore dell'Istituto Viti e Vino mi ha detto 'sabato c'è questa cosa qua, riusciamo a fare una promozione e una valorizzazione della vendita diretta'”.

Ma con la società di comunicazione non c'è nessun contratto: “Ho detto sin dal primo giorno che mi sono insediato che non avrò più il gruppo di supporto tecnico – ha detto l'assessore - che contando tutta una serie di consulenti, all'assessorato costava parecchio. Ho chiamato gli amici perché dessero una mano d'aiuto a titolo gratuito non a me, ma all'agricoltura siciliana. Vi assicuro che non c'è nessun contratto con questa società: si tratta solo di un'attività che la società di comunicazione ha rivolto non nei confronti dell'assessorato ma dei mercati e dei contadini qui in Sicilia”.

E secondo l'assessore non ci sarebbe niente di male a ripetere questo genere di collaborazioni: “Se c'è un collega che è dipendente della Regione ed è esperto di comunicazione, un assessore non dovrebbe utilizzarlo? Tutti quelli che all'interno della Regione hanno competenze di giornalismo saranno i primi a essere utilizzati”.

A non ripetersi, secondo quanto affermato da Cartabellotta, sarà invece la presenza del logo di una società privata in un comunicato istituzionale: “Sicuramente questo è stato un errore che non si verificherà più. Da domani partiranno tutti i comunicati dal sito dell'assessorato valorizzando tutte le risorse interne che ci sono all'interno e tutti gli amici che vogliono mettersi a disposizione nel comunicare l'agricoltura di Sicilia, quella vera e quella autentica”.