Live Sicilia

Amg tensione Cacopardo-Arcuri
sullo spot del Padrino


amg energia, amg gas, padrino, palermo, polemica, salvaggio

Il presidente di Amg Energia attacca la scelta di Amg Gas di produrre uno spot ispirato al Padrino e interpretato da Sasà Salvaggio. La replica: "Parla di mafia perché cerca visibilità".


PALERMO – Polemica vivace fra Emilio Arcuri, presidente di Amg Energia spa, ed i vertici dell'Amg Gas, società le cui quote sono detenute per l'80% da Edison e per il 20% dalla stessa Amg Energia. Il numero uno della controllata del Comune giudica "una scelta infelice" quella di affidare ad un personaggio goffamente travestito da "Padrino-Marlon Brando" la promozione di una campagna pubblicitaria rivolta alla città.

Lo spot, realizzato ad ottobre, è attualmente in distribuzione presso i circuiti cinematografici della città. "E' la stanca riproposizione - sottolinea Arcuri, a nome dell'intero cda - dell'identificazione tra la mafia e i siciliani, con la sottolineatura della forza di un messaggio che dovrebbe convincere, per l'autorevolezza del personaggio che lo presenta, il 'Padrino-Marlon Brando'. Forse voleva essere una parodia finalizzata a strappare un sorriso. Il risultato è veramente penoso”.

A difendere il suo spot è Sasà Salvaggio, che ha interpretato la rivisitazione del “Padrino” in salsa ironica. “È un modo divertente di prendere in giro la mafia – afferma – . Alcuni invece ne parlano soltanto per farsi pubblicità. Solo chi ha un basso profilo e poca apertura mentale può pensare che lo spot riproponga l'identificazione fra la mafia e i siciliani”. Il comico palermitano risponde dunque alle critiche di Arcuri: “Lo spot è stato particolarmente apprezzato a Milano dalla Edison, alla presenza del presidente Cacopardo. Anziché guardare le pubblicità al cinema, Arcuri pensi a rendere l'Amg Energia una società seria, viste tutte le strade senza illuminazione che ci sono in città: questo favorisce la mafia”.

La vera polemica è però con i vertici di Amg Gas, di cui Amg Energia ha diritto di nomina, detenendo il 20% delle quote. In particolare spetta ad Amg Energia la scelta del presidente e di un consigliere. L'attuale presidente di Amg Gas è l'avvocato Guido Cacopardo, nominato dal precedente da di Amg Energia, vicino all'ex sindaco Diego Cammarata. Il braccio di ferro quindi è tutto politico. L'attuale consiglio di amministrazione di Amg Energia spa non è infatti rappresentato all'interno di Amg Gas, che si occupa della fornitura di luce e gas a Palermo dopo lo scorporo dell'azienda nel 2009.