Live Sicilia

fino al 31 gennaio

Il presepe di D'Anna
a Palazzo Ajutamicristo


La Soprintendenza per i Beni culturali di Palermo, in collaborazione con il Credito Siciliano, espone dal 18 dicembre al 31 gennaio il famoso presepe in carta del '700 di Vito D'Anna.

VOTA
0/5
0 voti

, Palermo
La Soprintendenza per i Beni culturali di Palermo, in collaborazione con il Credito Siciliano, in occasione del Natale 2012 cura l’esposizione di una delle più singolari e affascinanti creazioni del ‘700 artistico palermitano: il presepe in cartone dipinto, forte di circa 250 pezzi, realizzato dal pittore Vito D’Anna (1718-1769) per i padri Filippini dell’Olivella, passato con la soppressione degli ordini religiosi del 1866 alla famiglia Mazzarino e infine acquistato nel 1966, in una celebre asta, dall’antiquario Nicolò Burgio, alla cui famiglia oggi appartiene.

Il Presepe di D’Anna non viene mostrato al pubblico, nella sua interezza, da molti anni: l’esposizione più recente risale al 1994.

Oltre che una straordinaria opera in miniatura di un artista che coi suoi vasti affreschi decorò nel XVIII secolo numerose chiese e palazzi di Palermo improntando del suo stile tutta un’epoca; oltre che una rarità assoluta nel ‘700 europeo, che conobbe presepi di carta dipinti e ritagliati solo in ambito popolare; il Presepe di D’Anna costituisce un affascinante documento della vita del tempo, in quanto – eccettuate le figure sacre e gli angeli baroccheggianti – tutti i numerosissimi personaggi sono rappresentati, con vivacità e accuratezza, in costume settecentesco.

Mostra aperta dal 18 dicembre 2012 al 31 gennaio 2013. Orari: martedì – sabato dalle 9.00 alle 18.00, festivi dalle 9.00 alle 13.00, lunedì chiuso. Visite guidate su prenotazione.

Gaetano Gullo, Soprintendente per i Beni culturali di Palermo: “La mostra Un presepe di carta del ‘700 è il frutto della collaborazione della Soprintendenza per i beni Culturali di Palermo, forte della competenza storica e critica dei suoi tecnici, con la famiglia Burgio, proprietaria del bene, che ha mostrato una non comune sensibilità culturale nel volere realizzare l’iniziativa, e con il Credito Siciliano, che ha supportato l’evento con generosità e attenzione; e costituisce un positivo esempio di sinergia concreta fra pubblico e privato, in un momento di crisi in cui si impone la necessità di trovare nuove strade per la promozione culturale della nostra terra.”

Saverio Continella, Direttore Generale Credito Siciliano S.p.A: “Il sentimento religioso e tradizionale che ha ispirato generazioni di artisti e che ancora oggi ispira la costruzione dei presepi, sono l’espressione sincera di un’antica tradizione popolare ed artistica che riteniamo importante diffondere attraverso iniziative come queste. Dare la possibilità di rivedere una delle opere più incantevoli del ‘700 artistico palermitano, ci è sembrato il modo più opportuno per accostarci alle imminenti festività natalizie con uno spirito nuovo, più sobrio, incentrato sui valori.”