Live Sicilia

Formazione

Scilabra: "Pronti sei milioni"
Poi attacca Ial e Cisl


cisl, formazione, ial, scilabra

L'assessore: "Altri sei milioni verranno liquidati nei prossimi giorni. A protestare oggi sono solo i lavoratori aderenti alla Cisl. E abbiamo riscontrato criticità nella gestione dei 185 milioni già concessi agli enti: non è possibile che alcuni lavoratori non percepiscano lo stipendio da oltre un anno...".

VOTA
2.7/5
11 voti

PALERMO - “Verranno anticipati immediatamente agli enti, per pagare i lavoratori della formazione siciliana, circa 6 milioni di euro a valere sull’Avviso 20/2011”. L'annuncio dell'assessore Scilabra piove nel pieno della manifestazione indetta oggi di fronte ai locali dell'assessorato di via Ausonia. “Altri 6 milioni di euro – ha aggiunto - verranno erogati nelle prossime settimane al fine di superare l’emergenza dei lavoratori e delle loro famiglie. E’ un impegno che avevamo preso, insieme al Presidente, qualche giorno fa, incontrando il mondo della formazione, e che oggi manteniamo. Non tollereremo – conclude l’Assessore – usi diversi da parte degli enti, di queste risorse, rispetto al pagamento delle spettanze ai lavoratori”.

E queste ultime parole dell'assessore aprono un nuovo fronte di scontro con gli enti di Formazione. E la Scilabra non si tira indietro: “Oggi – ha dichiarato - manifestano sotto l’Assessorato i lavoratori della formazione professionale aderenti alla Cisl. Ci stupisce che sia stata questa sola sigla sindacale a promuovere la protesta. Ci stupisce che sempre questa sigla sindacale ritenga la questione dei pagamenti relativi all’Avviso 20/2011 come il problema principe della formazione siciliana, che sebbene io e il Presidente abbiamo assunto precisi impegni per una rapida e regolare risoluzione, ritengo assolutamente marginale rispetto alla questione complessiva del mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori, in quanto riguarda solo le tre ultime mensilità dell’anno 2012”.

Ma ecco l'”affondo” dell'assessore: “Abbiamo rilevato gravi criticità nella gestione dei 185 milioni di euro già erogati dalla Regione Siciliana a taluni enti e destinati al pagamento dei lavoratori sino al maggio 2012, a valere sul Prof Sicilia 2011. Non si comprende, dunque – continua l’assessore Scilabra – perché in taluni casi, come quello che riguarda lo Ial Sicilia, i lavoratori non percepiscano stipendio da oltre tredici mensilità”. Ieri pomeriggio, alcuni lavoratori dello Ial Sicilia, non aderenti ad alcun sindacato, ricevuti negli uffici di diretta collaborazione dell’assessore avrebbero lamentato il mancato pagamento dello stipendio per diverse mensilità. “Contesteremo immediatamente all’ente le circostanze, chiedendo di produrre tutte le certificazioni attestanti i pagamenti al personale e adotteremo i provvedimenti consequenziali ove dovessero trovare conferma le prospettate irregolarità e violazioni di legge o dei contratti di lavoro. Analoghi accertamenti – prosegue l’assessore - faremo su tutti gli altri enti beneficiari dei fondi a valere sul Prof 2011. Si vuole assicurare la massima trasparenza dell’azione amministrativa dell’assessorato nei settori di competenza, e già da oggi, su mia disposizione e nel rispetto delle leggi vigenti, gli uffici hanno pubblicato sul sito istituzionale dell’Assessorato e sul sito www.sicilia-fse.it, tutte le informazioni concernenti ogni aspetto relativo all’iter procedurale e all'utilizzo delle risorse in ordine ai singoli avvisi a valere sul FSE e sul Prof 2011. Da oggi – ha concluso - rendiamo pubblici i pagamenti effettuati verso gli enti di formazione per due ragioni: perché non abbiamo nulla da nascondere e perché siamo liberi da condizionamenti di ogni tipo.”