Live Sicilia

piazza del tiro a segno

Polpette avvelenate per strada
Morti due Pit Bull


Preoccupa l'escalation di ritrovamenti di bocconi avvelenati. Ultime vittime due cani nei pressi del canile municipale.

 

VOTA
2.5/5
2 voti

avvelenamenti, cani, canile, palermo
PALERMO - In una città in cui il problema del randagismo è senza dubbi tra i più annosi, c'è chi ha pensato di risolvere la questione disseminando polpette avvelenate. Questo è quanto è successo lo scorso martedì, nei pressi di piazzetta Tiro a Segno, a pochi metri dal canile municipale. Le vittime sono due Pit Bull, un randagio e l'altro di proprietà di un ragazzo che, accortosi dei primi spasmi, l'ha portato al canile per provare a salvarlo.

Il randagio è morto quasi subito, lunga e dolorosa, invece, l'agonia dell'altro. “Il proprietario l'ha portato in canile nella pausa pranzo – racconta a LiveSicilia Giusy Caldo, volontaria della Lida di Palermo – ma nonostante tutte le cure è morto dopo molte ore per le convulsioni”.

“E' stata un'agonia terribile – ha aggiunto Alessandra Musso, responsabile cittadina della Lida di Palermo – I veterinari sono stati impeccabili e hanno provato veramente a fare di tutto, ma non c'è stato nulla da fare. Il randagio era un cane buonissimo e non aveva mai arrecato fastidio a nessuno. Trascorreva le giornate sotto il sole ed era benvoluto da molti. I randagi, però, sono veramente tanti e non tutti li tollerano. La legge prevede la reimmissione nel territorio, dopo la microchippatura, e questo senza dubbio viene mal sopportato dai cittadini”.

"Gli abitanti dei palazzi adiacenti al canile - spiega Giusy Caldo -  lanciano spesso dei sacchetti pieni di cibo sopra dei paddock che sporgono sul canile. Molti lo fanno probabilmente per sfamare i cani, ma non possiamo sapere se del veleno non possa essere lanciato anche da lì. Inoltre si può ben capire che quando il cibo arriva dentro le gabbie, questo provoca scompiglio e scontri tra i cani che finiscono inevitabilmente per azzannarsi”. Nei pressi del canile, inoltre, sono state rinvenute delle polpette azzurre che sarebbero la causa dell'avvelenamento e, nella stessa giornata, era stato lanciato l'allarme del ritrovamento di veleno in viale Strasburgo e nella zona retrostante il Tribunale.