Live Sicilia

Palermo

Mafia, confisca da un milione
Sigilli ai beni di due boss storici


biondino, biondo, confisca, mafia, stragi, Cronaca
I magazzini sequestrati

Il provvedimento, eseguito dalla Finanza, colpisce Salvatore Biondino e Salvatore Biondo, coinvolti nelle stragi di mafia del '92.

VOTA
4/5
25 voti

PALERMO - Portano cognomi storici tra le famiglie mafiose di San Lorenzo. A distanza di anni dalle condanne ormai definitive i finanzieri continuano a scovare le loro ricchezze.

Beni per oltre un milione di euro sono stati confiscati a Salvatore Biondino, autista di Totò Riina, già condannato all'ergastolo per le stragi di Capaci e via D’Amelio, e Salvatore Biondo, che si occupò di occultare l'esplosivo e di trasportarlo nel cunicolo dell'autostrada dove persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta.

La confisca decisa dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale si basa sulle indagini dal Gico della Guardia di finanza. Passano al patrimonio dello Stato cinque locali che ospitano avviate attività commerciali e tre terreni in viale Regione Siciliana. Sotto inchiesta sono finiti anche quatto insospettabili e incensurati prestanome: Giorgio, Fabio, Antonietta e Giuseppe Marcello Cuccia.