Live Sicilia

Le nuove norme

Patenti per motocicli
da gennaio si cambia


19 gennaio 2013, motocicli, patente A, patente A2, patente AM

In arrivo dal 19 gennaio prossimo numerosi cambiamenti per i conducenti di ciclomotori. Il 'Patentino' diventa la patente AM e cambiano i requisiti per le patenti A e A2. Estesi anche ai possessori di queste ultime, le limitazioni di velocità già previste per i neopatentati.

VOTA
2.5/5
2 voti

Le patenti di guida italiane si adeguano a quelle europee e dal prossimo 19 gennaio 2013 ci saranno numerosi cambiamenti. Le modifiche previste interessano non soltanto l’iter per ottenere il documento ma anche la tipologia stessa della patente con una particolare incidenza sulle patenti per motocicli. Il provvedimento, approvato in parlamento, è stato creato per rispondere da un lato all’esigenza di uniformità delle patenti su tutto il suolo europeo, prevista nella sua forma definitiva per il 2033, ed anche in funzione dell’aumento della sicurezza sulla strada. Ecco, riassumendo, quali saranno le novità più importanti:

Il Patentino, che si ottiene a 14 anni, diventerà una vera e propria patente di nome ‘AM’ e come tale sarà soggetta alle regole per la decurtazione dei 20 punti iniziali, per il ritiro, la revisione, la revoca e la sospensione. Rimane invariato il divieto di trasportare passeggeri.

La patente A2, che oggi consente di guidare motocicli con potenza fino a 25 Kw estenderà la possibilità di condurre moto fino ad una potenza di 35 Kw, rispettando comunque il limite di rapporto potenza/peso di 0,2 Kw/Kg non ottenuti dal depotenziamento di una versione che sviluppa oltre 70 Kw.

La patente A, che consente di condurre motociclette senza alcuna limitazione di potenza, non sarà più ottenibile a 21 anni, come avviene oggi, ma soltanto al compimento del 24esimo anno di età. In alternativa, si potrà sostenere l’esame per la patente A anche prima dell’età prefissata soltanto se si è in possesso di una patente A2 già da due anni.

I limiti di velocità, già previsti per i neopatentati dotati di patente B, verranno estesi anche a coloro che possiedono le patenti A e A2 che non potranno quindi superare i 100 km/h in autostrada e i 90 km/h in strade extraurbane principali per i primi 3 anni dal conseguimento del documento di guida.