Live Sicilia

Il magistrato di sorveglianza sul Pagliarelli

"La direzione assicuri
i diritti dei carcerati"


Il giudice ha ingiunto la direzione del carcere palermitano ad adottare gli opportuni provvedimenti per assicurare il rispetto della persona dei detenuti. Il garante Fleres: "E' l'nnesima conferma delle generali condizioni di disagio vissute dai reclusi italiani e siciliani".

VOTA
3.3/5
3 voti

carcerati, carcere, diritti, fleres, ingiunzione, pagliarelli
PALERMO - Il magistrato di sorveglianza di Palermo ha ingiunto alla direzione del carcere Pagliarelli di assicurare condizioni di vita adeguate ai detenuti. Lo rende noto il Garante dei diritti dei detenuti della Regione siciliana, Salvo Fleres. "Il giudice - spiega Fleres - ha ingiunto la direzione ad adottare gli opportuni provvedimenti per rimuovere le violazioni dei diritti sul rispetto dello spazio vitale all'interno della cella, per assicurare il diritto di occupare una cella con compagni non fumatori, il diritto a fruire di adeguati periodi di tempo all'esterno delle celle, sfruttando la cosiddetta socialità, il diritto all'uso adeguato di bagni e docce e degli altri oggetti necessari alla cura ed alla pulizia della persona".

Il provvedimento ha origine da una iniziativa promossa da un recluso che si è rivolto a Fleres e all'avvocato Vito Pirrone, presidente dell'associazione nazionale forense di Catania, con cui il Garante ha stipulato un protocollo di intesa. "La pronunzia del magistrato di sorveglianza di Palermo - ha detto Fleres - costituisce l'ennesima conferma delle generali condizioni di disagio vissute dai reclusi italiani e siciliani a causa del sovraffollamento e delle endemiche carenze di personale, sottoposto a turni estenuanti di servizio". "Ulteriori iniziative giudiziarie - ha proseguito - sono in corso in altre carceri dell'Isola e puntano, oltre che al risarcimento del danno, anche al varo di interventi normativi, organizzativi e strutturali capaci di adeguare l'esecuzione penale ai dettati della legge".