Live Sicilia

centro storico

Passeggiata nel "salotto" dell'incuria
La città tra rifiuti e degrado


centro storico, degrado, incuria, palermo, salotto, sporcizia, Video
Foto di Vincenzo Rizzuto

Degrado e sporcizia nel centro nevralgico di Palermo. Cumuli di immondizia ed escrementi, da giorni, riempiono i marciapiedi da via Ruggero Settimo a via Magliocco, da via Principe di Belmonte a piazza Ignazio Florio. I commercianti e i residenti sono stanchi e denunciano il degrado.

VOTA
1.9/5
13 voti

PALERMO - Disordine, abbandono, disservizi. E' questo ciò che emerge passeggiando per le vie di Palermo. Dal centro storico alle periferie, infatti, l'emergenza rifiuti coinvolge soprattutto le zone più centrali della città e le vie più frequentate dai turisti. I commercianti e i cittadini della zona chiamano da giorni gli uffici della circoscrizione per denunciare i ritardi nella raccolta dei rifiuti. Ma la situazione non cambia e peggiora di giorno in giorno. E intanto ci si chiede dove siano finiti gli operatori ecologici e gli addetti alla manutenzione delle aree verdi.

Da via Ruggero Settimo a via Magliocco, da via Principe di Belmonte a piazza Ignazio Florio. Quello che una volta era considerato il salotto storico della città è, oggi, l'emblema dell'incuria e della sporcizia. Escrementi, sacchetti pieni e abbandonati, bottiglie e cumuli di rifiuti organici di ogni tipo gettati per le vie. La città risulta totalmente abbandonata a se stessa. L'immondizia straripa anche dai vasi delle piante e dalle aiuole che dovrebbero abbellire la città e rappresentano, invece, un segno ancora più forte e incisivo del degrado in cui versa Palermo.

“I cestini della piazza sono stracolmi. Chiamo l´Amia da giorni ma non ho ottenuto nessuno risposta positiva, così intanto ce ne occupiamo noi – ha denunciato un commerciante di via Ruggero Settimo – Un tempo questo era il salotto della città, un luogo eccellente di cui andare fieri. Da circa sette anni, invece, è il salotto della vergogna e della sporcizia e la cosa più grave è che nessuno fa nulla per risolvere la situazione”, ha continuato l'esercente.