Live Sicilia

l'ASSESSORE ALL'ECONOMIA

Bianchi: "Bilancio trasparente"
Tagli, spunta un nuovo ticket


bianchi, bilancio, finanziaria, tagli

L'assessore: "Verranno abbattuti del 40% i costi di gestione della pubblica amministrazione. Confermati i tagli ai salari dei dirigenti. Abbiamo cancellato voci di entrata poco credibili. Ticket tra i dieci e i 25 euro per i ricoveri ospedalieri. Ma solo per redditi superiori ai 50 o ai 100 mila euro".

 

VOTA
3.3/5
9 voti

PALERMO - “Un bilancio trasparente, frutto di un lavoro molto difficile”. Così, l'assessore all'Economia Luca Bianchi commenta il varo del bilancio provvisorio della Regione. Un intervento “molto, molto duro. Con riduzioni di spese per quasi un miliardo di euro. Ma dove – aggiunge Bianchi – le entrate, credibili e monitorabili, così come le uscite, saranno molto chiare: si tratterà, insomma, di un bilancio trasparente”.

I tagli, però, precisa Bianchi, non intaccheranno “la spesa sociale, né gli interventi indirizzati alle classi più deboli”. Un lavoro molto complicato, visto che “sul bilancio che abbiamo trovato – ha aggiunto – c'erano voci di bilancio ridotte a zero euro. Ad esempio, per i trasferimenti agli enti locali e per i Forestali. Per il Fondo degli enti locali, abbiamo anzi trovato 300 milioni, per i Forestali abbiamo reperito 100 milioni di euro. In entrambi i casi, le somme saranno insufficienti e saranno integrate”.

Insomma, i tagli non saranno “orizzontali”. “In alcuni casi, ridurremo delle voci di circa il 40%”. E le riduzioni riguarderanno, ad esempio, “gli stanziamenti – prosegue Bianchi - dedicati alla gestione delle amministrazione regionali. Si ridurrà circa il 40% delle spese di gestione. Abbiamo azzerato, ad esempio, il tema riguardante l'informatica: abbiamo trovato una molteplicità di contratti, alcuni dei quali eccessivamente dispendiosi. Faremo tutto con le competenze interne”. Interventi, questi che porteranno a un risparmio di circa 60 milioni di euro rispetto al 2012. Confermato anche il taglio ai salari accessori dei dirigenti.

E Bianchi ammette di avere affrontato, nei lavori preparatori del bilancio, difficoltà inaspettate: “Abbiamo trovato – dice - poste di entrate molto aleatorie. Mi riferisco ad esempio alla vendita del patrimonio immobiliare. La cui valutazione ci è apparsa poco credibile. Questo ha resto il nostro lavoro ancora più difficile. Un bilancio falso? - aggiunge Bianchi - Non posso dirlo, per rispetto nei confronti di chi mi ha preceduto, e per il personale della Regione, di grande qualità. Posso dire che c'erano delle scelte politiche, nell'individuazione delle entrate, che noi non riteniamo credibili. Allora, forse, lo erano. Ma non mi interessa entrare in alcuna polemica”.

L'assessore all'Economia ha annunciato anche la creazione di “due fondi per uno stanziamento complessivo da 200 milioni. Il primo, - dice - è per la cancellazione dei residui attivi, per giungere a una parziale riduzione dei residui attivi. L'altro Fondo, di 100 milioni, compensa l'eventuale venir meno durante l'anno di entrate previste”. Tutti interventi che consentono all'assessore di escludere con certezza “il rischio default. Anzi, abbiamo garantito le somme per il cofinanziamento dei Fondi europei. Stiamo lavorando – dice Bianchi - col governo nazionale per tenere fuori questa spesa dal patto di stabilità”.

Per il capitolo “entrate”, invece, Bianchi ha illustrato l'introduzione di “un ticket di un euro sulle ricette mediche. Ovviamente rimane l'esenzione per le categorie esenti. Un intervento che porterà circa 15 milioni di euro di entrate. Abbiamo introdotto – aggiunge - anche un ticket per i ricoveri ospedalieri: solo per le fasce di reddito più alto. Cioè per i redditi superiori a 50 mila euro costerà 10 euro al giorno, per i redditi oltre 100 mila euro sarà di 25 euro al giorno. Solo per i primi sette giorni in entrambi i casi. Per la settimana successiva, ci sarà un abbattimento di 50%”. Infine, una battuta sulla questione della proroga dei “precari”, su cui si erano addensate le nubi della mancanza della copertura finanziaria: “Mai avuto problemi di copertura finanziaria. Abbiamo solo allineato la proroga all'esercizio provvisorio, poi integreremo la proroga attraverso la Finanziaria”.