Live Sicilia

lo afferma l'autorità per l'energia

Dal 1° gennaio giù la luce
rincari per il gas


autorità per l'energia, bollette, gas, luce

Dal primo gennaio 2013 le bollette dell'energia elettrica scenderanno dell'1,4%, mentre per il gas si registrerà un incremento dei prezzi dell'1,7%.

VOTA
0/5
0 voti

ROMA - In vista del 2013 arrivano notizie contrastanti sul fronte dei consumi. L'Autorità per l'energia ha comunicato ieri l'aggiornamento previsto per il primo trimestre del prossimo anno che prevede un risparmio dell'1,4 per cento per i consumi elettrici a fronte di un incremento dell'1,7 per cento di quelli per il gas. Si prevede un risparmio di 7 euro su base annua per l'energia elettrica, che sarà più che controbilanciato da un aggravio di 22 euro su base annua. Il saldo è negativo per 15 euro. Viene calcolata inoltre la spesa media annua della famiglia tipo, che sarà di 516,42 euro per l'energia elettrica e 1.299 euro per quella del gas.

Sul calo dell'1,4% dell'energia elettrica hanno inciso la riduzione del 3,6% della componente energia per effetto dei significativi ribassi del prezzo nel mercato all'ingrosso, a partire dallo scorso ottobre; una riduzione in parte controbilanciata da un +0,5% per l'aggiornamento delle tariffe di rete e da un +'1,7% per l'adeguamento degli oneri generali. Per il gas, sull'aumento dell'1,7% hanno inciso l'aumento dell'1,4% per l'aggiornamento delle tariffe di distribuzione, misura, trasporto e stoccaggio e l'incremento dello 0,5% circa per l'aggiornamento degli oneri generali. Incrementi in parte controbilanciati dal -0,2% circa per l'aggiornamento della materia prima, che è diminuita rispetto al quarto trimestre 2012.

Aggiornato, da parte dell'Autorità, anche i valori dei bonus riservati alle famiglie a basso reddito e di quelle numerose. Dal 1° gennaio il bonus elettrico (riduzione media del 20% sulla bolletta, al netto delle imposte) consentirà uno sconto minimo di 71 euro e massimo di 155 (anziché i 63-139 euro del 2012); il bonus gas (riduzione media del 15%) passerà dal minimo di 39 euro al massimo di 350 (anziché i 35-318 euro del 2012).