Live Sicilia

La decisione del Consiglio di presidenza

Ars, pronto il bilancio 2013
Tagli per 11 milioni di euro


Al termine di una riunione fiume, via libera al bilancio di previsione del Parlamento. Quasi dimezzati i fondi riservati della Presidenza, sforbiciata sul contributo unificato ai gruppi parlamentari.

 

VOTA
2.5/5
16 voti

ars, bilancio, tagli
PALERMO - Giungere a una decisione unanime non è stato facile, ma alla fine il Consiglio di presidenza dell'Ars ha approvato il bilancio di previsione 2013: previsti dei tagli alle spese per quasi undici milioni di euro rispetto al 2012. Una sforbiciata voluta dal presidente del Parlamento regionale, Giovanni Ardizzone, che riguarda in primis i vertici di Sala d'Ercole, dal momento che è stato effettuato un taglio quasi del 50% dei fondi riservati a disposizione della Presidenza. Il costo complessivo dell'Ars scende quindi intorno ai 152 milioni di euro.

Tagli consistenti anche per altre voci di bilancio: dalle auto blu alle indennità di funzione dei funzionari di Palazzo dei Normanni. Ridotto anche il cosiddetto "contributo unificato", che ogni gruppo parlamentare riceve in base al numero dei deputati che lo compongono: si passa da 3.000 a 2.400 euro per ogni deputato.

Uuna stretta considerevole, ma per Ardizzone ''per proseguire nella riduzione della spesa è imprescindibile che il Parlamento recepisca i contenuti del decreto Monti". Secondo Nino Oddo, deputato questore, "si tratta di una svolta epocale, il parlamento regionale - dice - si mette in sintonia con l'esigenza di un contenimento sensibile dei costi".