Live Sicilia

CANALE PASSO DI RIGANO

Circonvallazione, carreggiata a rischio crollo
L'Enel: "Nessun danno, scavi interrotti in tempo"


carreggiata, circonvallazione, enel, lavori, palermo, protezione civile, salamone e pullara, tilt, traffico, Palermo
Il tratto di viale Regione Siciliana interessato dal cantiere Enel

Nel corso di un sopralluogo i tecnici hanno verificato che alcuni lavori eseguiti in un cantiere Enel gestito dalla ditta Sogeipa avrebbero danneggiato il canale di Passo di Rigano. Il problema all'altezza di Salamone e Pullara, tra via Santuario Cruillas e via Mineo. La carreggiata è stata ristretta e il cantiere è stato sequestrato. L'Enel replica: "I lavori sono stati interrotti per non creare alcun danno. Il Comune non ci aveva avvertito".

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Una carreggiata della Circonvallazione di Palermo è a rischio crollo. Lo ha stabilito la protezione civile comunale. Nel corso di un sopralluogo i tecnici hanno verificato che alcuni lavori eseguiti in un cantiere dell'Enel avrebbero danneggiato il canale di Passo di Rigano che sostiene la carreggiata in direzione Catania nei pressi del negozio Salamone e Pullara. Sarebbero state tolte alcune travi che avrebbero indebolito la struttura della via Regione Siciliana che collega le due autostrade.

L'ufficio Traffico ha emesso un'ordinanza con la quale la carreggiata è stata ristretta e si limita il peso dei mezzi che possono transitare. "Avevamo una regolare autorizzazione allo scavo - spiegano dall'Enel all'agenzia Ansa - per fornire l'energia ad un nuovo condominio. Stiamo verificando quanto contestato dal comune".

Un comunicato stampa del Comune di Palermo ha illustrato i dettagli. A seguito di un sopralluogo congiunto di tecnici della protezione civile ed agenti della polizia municipale presso un cantiere Enel gestito dalla ditta So.Ge.I.Pa, all'angolo fra la via N. Mineo e la via Regione Siciliana, è risultato che durante i lavori di scavo realizzati dalla ditta, è stata danneggiata la volta in cemento armato del canale di mal tempo del Torrente Celona, che scorre proprio sotto quel tratto della Circonvallazione.

La polizia municipale ha immediatamente proceduto alla delimitazione dell'area, in considerazione del rischio derivante dall'intenso traffico dell'area, che potrebbe portare, secondo i tecnici presenti, si legge nella nota del Comune, anche al crollo della volta danneggiata. L'Autorità giudiziaria subito informata, ha disposto il sequestro del cantiere, mentre l'impresa si è impegnata ad un pronto ripristino dei luoghi. La carreggiata esterna della Circonvallazione, nel tratto compreso fra via Santuario di Cruillas e via Mineo, rimarrà quindi ristretta fino a quando tali lavori di ripristino non saranno completati.

Arriva anche la replica da parte dell'Enel: "I lavori di scavo per l'allacciamento elettrico di un nuovo edificio, realizzati in una delle corsie laterali di viale Regione Siciliana, non hanno provocato alcun danneggiamento alla copertura di uno dei canali che attraversano la Circonvallazione di Palermo. Lo scavo, infatti, è stato fermato appena ci si è resi conto di essere arrivati a una struttura di cemento armato. E', quindi, del tutto infondata la notizia che l'impresa appaltatrice avrebbe tolte alcune travi, attività che avrebbe potuto compromettere la stabilità delle corsie dell'importante arteria stradale".

"Lo scavo - aggiunge il comunicato - è stato posto stamattina sotto sequestro cautelativo dai vigili urbani ma nel pomeriggio, dopo le opportune verifiche, il Pm Varone ha autorizzato la rimozione dei sigilli del cantiere per consentire la messa in sicurezza dello scavo". Nell'autorizzazione comunale, rilasciata lo scorso 15 marzo - sottolinea l'Enel -, non era stata menzionata la presenza di particolari interferenze lungo il tracciato da scavare".