Live Sicilia

il tribunale di gela

Calcestruzzi spa, condannato
per frode l'ex ad Colombini


Mario Colombini, ex ad della "Calcestruzzi Spa" è stato condannato dal tribunale nisseno a 4 anni di carcere e 6mila euro di multa per frode in pubbliche forniture. Esclusa l'aggravante di avere agevolato la mafia. L'ex direttore di zona dell'azienda, Fausto Volante è stato invece condannato a 6 anni e 10 mesi per frode e illecita concorrenza.

VOTA
1/5
1 voto

caltanissetta, colombini, condanna, frode, gela, imprenditore, mafia, truffa, Caltanissetta, Cronaca
CALTANISSETTA - L'ex Ad della "Calcestruzzi Spa" Mario Colombini
è stato condannato dal tribunale nisseno a 4 anni di carcere e 6mila euro di multa per frode in pubbliche forniture. E' stata esclusa l'aggravante di avere agevolato la mafia. L'ex direttore di zona dell'azienda in Sicilia Fausto Volante è stato invece condannato a 6 anni e 10 mesi per frode e illecita concorrenza; Colombini e Volante, inoltre, sono stati assolti per l'associazione a delinquere. Il processo riguardava l'impiego del calcestruzzo con basse quantità di cemento per la costruzione di opere pubbliche in Sicilia; dal risparmio - secondo l'originaria accusa, ritenuta infondata dai giudici nisseni - l'azienda avrebbe ottenuto somme in nero per pagare Cosa Nostra ottenendo in cambio favori.

"Vogliamo sottolineare - rileva in una nota il collegio di difesa di Colombini - che la sentenza sgombra il campo da qualsiasi ipotesi di rapporto di Colombini e dei vertici della società con associazioni criminali. Il Tribunale ha stabilito che per Colombini non c'è mai stato nessun rapporto con la mafia, né alcun comportamento che abbia in qualche modo favorito le associazioni criminali".

Imputati in questo processo erano anche l'ex capo area della Calcestruzzi, poi divenuto collaboratore di giustizia Giovanni Laurino, cui sono stati inflitti 3 anni e 6 mesi per frode in pubbliche forniture e illecita concorrenza in continuazione coi 10 anni di reclusione comminati per associazione mafiosa nel processo scaturito dall'inchiesta "Odessà, e il boss di Caltagirone Ciccio La Rocca condannato a due mesi di isolamento diurno (era accusato di illecita concorrenza aggravata) che si aggiungono all'ergastolo per associazione mafiosa e omicidio che gli era stato comminato in altri processi. Il processo prendeva in esame capi d'accusa in relazione ai lavori sulla Diga foranea Porto isola e il palazzo di giustizia di Gela. Per altre opere contestate dall'accusa, tra cui la galleria Pozzo Minneria, lo svincolo di Castelbuono dell'A20, lo scorrimento veloce Licata-Torrente Braemi, le accuse sono cadute in prescrizione perché i fatti sono avvenuti precedentemente al 2007.

Il Tribunale ha inoltre riconosciuto parziali risarcimenti alle parti civili: al Comune di Gela 100 mila euro più i danni patrimoniali che verranno stabiliti dal tribunale civile; all'impresa Ricciardello 1.000 euro di danni patrimoniali. Per il Consorzio autostrade l'entità del risarcimento verrà stabilito dal giudice civile. Saranno, inoltre, risarcite a tutti le spese in giudizio per complessivi 8.700 euro. Nessun risarcimento, infine, è stato riconosciuto all'Anas perché i fatti sono prescritti.

Il collegio di difesa dell'ex ad di Calcestruzzi spa Mario Colombini - quest'ultimo condannato a 4 anni di carcere e 6mila euro di multa per frode in pubbliche forniture, con esclusione dell'aggravante mafiosa - sottolinea, in una nota, che la sentenza "sgombra il campo da qualsiasi ipotesi di rapporto di Colombini e dei vertici della società con associazioni criminali. Il Tribunale ha stabilito che per Colombini non c'è mai stato nessun rapporto con la mafia, né alcun comportamento che abbia in qualche modo favorito le associazioni criminali. Come pure sgombra il campo dall'ipotesi dell'esistenza di una associazione finalizzata alla frode in pubbliche forniture".

Quanto alle altre ipotesi accusatorie - sottolinea la difesa di Colombini - siamo assolutamente convinti che il calcestruzzo fornito per le opere a suo tempo sequestrate avesse i necessari requisiti di sicurezza, resistenza e durabilità così come accertato dai periti, nominati dal gip, nell'incidente probatorio, e rispondesse pienamente agli obblighi contrattuali assunti dalla Calcestruzzi. Per questa ragione, la semplice riduzione della condanna richiesta dall'accusa non appare un risultato soddisfacente. Dal dibattimento erano d'altra parte emersi con chiarezza la totale assenza di una prassi aziendale tesa a produrre prodotti difformi e/o depotenziati rispetto alle specifiche richieste dalle Committenze.

"Si ribadisce inoltre che la società aveva operato in totale discontinuità con la precedente gestione Calcestruzzi, e che l'azienda aveva sempre operato nel quadro della legalità e aveva sempre richiesto ai suoi dipendenti di operare nell'esclusivo interesse aziendale e di aver adottato tutte le azioni e le procedure interne necessarie per garantire il più elevato livello qualitativo del prodotto fornito, nel rispetto dei migliori standard normativi e di mercato a livello nazionale e internazionale".

"Valuteremo comunque con attenzione le motivazioni della decisione - conclude il collegio di difesa - e proporremo appello per dimostrare che Colombini non partecipò alla gestione delle forniture contestate e che lo stesso Colombini ha messo in atto precise azioni e istruzioni finalizzate ad ottenere che tutti i dipendenti della società operassero nel quadro della legalità, denunciando, tutte le volte in cui se ne è presentata l'occasione, le sospette collusioni".