Live Sicilia

I lavori restano bloccati

Muos, le motivazioni del Tar:
"Ci vuole certezza sulla non nocività"


muos, niscemi, tar, Caltanissetta
Il Tar di Palermo

Nell'ordinanza i giudici scrivono che va ritenuta "la priorità e l'assoluta prevalenza del principio di precauzione".

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Per i giudici del Tar di Palermo é necessaria "la certezza della non nocività del sistema Muos". Lo scrivono nell'ordinanza con cui, ieri, hanno respinto le richieste di sospensiva presentate dal ministero della Difesa contro la Regione che aveva arrestato i lavori per il Muos (Mobile user objective system), il sistema di comunicazione satellitare in fase di realizzazione a Niscemi (Cl). I lavori, quindi, restano formalmente bloccati. Nell'ordinanza sul ricorso "950" del 2013, i giudici scrivono che va ritenuta "la priorità e l'assoluta prevalenza in subiecta materia del principio di precauzione nonchè dell'indispensabile presidio del diritto alla salute della comunità di Niscemi, non assoggettabile a misure anche strumentali che la compromettano seriamente fin quando non sia raggiunta la certezza assoluta della non nocività del sistema Muos". E rilevano anche che "sussistono seri dubbi anche in ordine all'incidenza e alla pericolosità del sistema sul traffico aereo della parte orientale della Sicilia (aeroporti di Comiso, Catania e Sigonella)".