Live Sicilia

Palermo

"Omicidio stradale"
La battaglia di Marina


marina fontana, omicidio stradale, roberto cona, Cronaca
Marina e Roberto

Catena umana da Roma a Palermo per "chiedere al governo di Matteo Renzi di istituire il reato di omicidio stradale". A lanciare l'iniziativa, in programma martedì prossimo, 24 marzo, in diverse città italiane, è Marina Fontana, vedova di Roberto Cona, ucciso da un tir un anno e mezzo fa in un incidente stradale.

VOTA
3.3/5
8 voti

PALERMO- Una catena umana da Roma a Palermo per "chiedere al governo di Matteo Renzi di istituire il reato di omicidio stradale" e al presidente della Repubblica Sergio Mattarella "di vigilare affinché si proceda in tempi rapidi e sedi opportune di inserire la norma nel codice penale". A lanciare l'iniziativa, in programma martedì prossimo, 24 marzo, in diverse città italiane, è Marina Fontana, vedova di Roberto Cona, ucciso da un tir un anno e mezzo fa in un incidente stradale. "E' un'iniziativa - dice Fontana - che nasce in modo spontaneo, senza alcuna voglia di vendetta, e senza alcuna emotività, dopo l'ennesima sentenza ingiusta della Corte di Cassazione che ha annullato la condanna a 21 anni, comminata in primo grado, e confermata in secondo grado, all'uomo che ha ucciso quattro ragazzi francesi guidando volontariamente contromano e in stato di ubriachezza. E parlo da moglie di una vittima della strada".

"Una sentenza che uccide continuamente tutte le vittime della strada rinnovando il dolore di tutti i familiari che hanno perduto una persona - aggiunge - Questa riunione mira a sensibilizzare l'opinione pubblica e il governo al tema delle vittime della strada ripetutamente offese da sentenze ingiuste che rinnovano il dolore". A Roma il raduno si terrà alle 17 nella piazza davanti al Quirinale; in altre città italiane, invece, i partecipanti si riuniranno davanti alle prefetture. "Basta portare un fiore o un cartello o un foglio con scritto "Vogliamo una data certa per l'istituzione del reato di omicidio stradale'' - osserva Fontana - Alle 17,30 laddove possibile si suoneranno le note del 'silenzio' in memoria delle tante, troppe, vittime della strada".

(Fonte ANSA)
 




articoli correlati