Live Sicilia

La tragedia

Aggrediti da cinghiali a Cefalù
Morto un uomo, ferita la moglie


cefalù, cinghiali, Cronaca

La vittima è Francesco Rinaudo, di 77 anni, era uscito con i suoi cani come da abitudine. La donna è ricoverata all'ospedale della cittadina normanna.

VOTA
3.4/5
5 voti

PALERMO - Un uomo e una donna di Cefalù (Palermo) sono stati aggrediti dai cinghiali. L'uomo, di cui non si conoscono le generalità, è morto. La donna è stata soccorsa e trasportata dal 118 all'ospedale della cittadina normanna.

I due, marito e moglie, si trovavano in una casa in campagna in contrada Ferla, sulle colline, a qualche chilometro dal centro abitato. Sui loro corpi i medici hanno constatato segni evidenti di morsi degli animali. Indagano i carabinieri. Da tempo alcuni sindaci delle Madonie, soprattutto quelli dei comuni montani, segnalano i rischi dovuti al numero crescente di cinghiali nel territorio.

L'uomo si chiamava Salvatore Rinaudo, 77 anni, ed era originario del luogo. È stato aggredito dagli animali nei pressi di una fabbrica dismessa di ceramiche, tra le contrade Ferla e Mollo. La moglie, Rosa Rinaudo, 73 anni, ha diverse ferite su tutto il corpo ma è cosciente e non sa ancora che il marito è morto.

"Mio marito è uscito con i cani questa mattina. Come fa sempre per una passeggiata. Ho visto che si era fermato perché i cani hanno iniziato ad abbaiare ad un gruppo di cinghiali". Questo il racconto di Rosa Rinaudo, la moglie di Salvatore Rinaudo. La donna ha parlato con gli investigatori e gli amministratori comunali arrivati in ospedale per sincerarsi delle condizioni e cercare di ricostruire quando successo.

Salvatore Rinaudo ha cercato di mettere i cani in salvo ma è stato assalito dal branco ed è caduto. Mentre gli animali continuavano a caricarlo la moglie è intervenuta per difenderlo e per trascinarlo in casa ma è stata a sua volta aggredita. Ha riportato ferite in tutto il corpo ma non è grave. "Mio marito si è messo in mezzo per salvare i cani. - ha aggiunto la donna - A questo punto i cinghiali gli sono saltati addosso. Io per cercare di recuperare il corpo sono uscita fuori e l'ho tirato dentro casa. Mentre cercavo di prenderlo e portarlo in casa sono stata aggredita anche io. Non ci sono parole per descrivere quello che ho visto. Sono distrutta".

Il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, ha proclamato il lutto cittadino per il giorno in cui si svolgeranno i funerali.