Live Sicilia

Il nuovo assessore alla funzione pubblica

Luisa Lantieri accetta l'incarico
D'Agostino: "Un grave errore"



La designazione dell'ultimo componente della giunta è giunta da Sicilia democratica. La deputata è gradita anche a una parte del gruppo Megafono-Pse.

VOTA
1.5/5
15 voti

PALERMO -20.18 La Presidenza dell'Ars non ha ricevuto il decreto di nomina del nuovo assessore alla Funzione pubblica, Luisa Lantieri. Lo ha detto il presidente dell'Ars, Giovanni Ardizzone, per spiegare la permanenza di Lantieri nelle commissioni parlamentari e avendo appreso solo dalla stampa l'ingresso della parlamentare di Sd nella giunta Crocetta.



20.15 "I motivi di questa crisi rimangono incomprensibili. La soluzione di governo proposta è per quanto ci riguarda irricevibile perché senza equilibrio: mancano le proposte, non si conoscono le risorse, non si è mai svolta una riunione di maggioranza. Almeno non con noi. Crocetta non ha voluto ascoltare alcuni consigli e rimediare ad alcuni errori, non garantendo le condizioni minime di convivenza dentro la coalizione. Tutti questi comportamenti li riteniamo contrari alla costruzione di una ipotesi credibile che possa avere successo, ma anche chiaramente ostili a Sicilia Futura. Riteniamo non esserci le condizioni per sentirci impegnati in questa esperienza di governo". Lo afferma Nicola D'Agostino, coordinatore regionale di Sicilia Futura e deputato all'Ars.

 

19.35 Il decreto di nomina è stato firmato dal presidente Crocetta ed è stato accettato da Luisa Lantieri. E' lei il nuovo assessore alla Funzione pubblica e alle Autonomie locali. La deputata di Sicilia democratica va quindi a colmare la casella mancante nella giunta regionale.


Luisa Lantieri è il nuovo assessore alla Funzione pubblica e alle Autonomie Locali. Proprio in questi minuti il presidente della Regione Rosario Crocetta ha protocollato la nomina della deputata di Sicilia democratica.

Una nomina annunciata già da giorni, ma che aveva subito una frenata in seguito alle proteste di alcune forze politiche della maggioranza. “I partiti – aveva però detto Crocetta a Livesicilia – non possono permettersi di opporre veti”. Così, ecco la decisione che rappresenta anche una prova di forza del governatore che adesso potrebbe andare incontro a nuove tensioni con gli alleati.

L'assessore è stato indicato non solo dal gruppo di provenienza ma sarebbe gradito anche a una parte del Megafono-Pse. Nei giorni scorsi diverse forze sociali avevano lamentato i ritardi nella nomina del titolare della Funzione pubblica, giunta a una decina di giorni dal varo del “Crocetta quater”, anche in relazione alle tante emergenze del settore, dalla riforma delle Province alla proroga per i precari degli enti locali siciliani.