Live Sicilia

Su La Stampa

Regione, sondaggio di Piepoli
Musumeci è primo, Micari sale


cancelleri, micari, musumeci, regione, siciliana, sondaggio

Il candidato del centrodestra nettamente avanti. La precisazione dello staff di Fava.


PALERMO - Il sondaggio è stato pubblicato sul quotidiano “La Stampa” ed è stato commissionato all'Agenzia “Piepoli”. I numeri confermano un trend, un dato al momento costante anche in altri sondaggi:
Nello Musumeci è il candidato attualmente in vantaggio sugli altri, quello che oggi ha maggiori possibilità di vittoria. Al candidato del centrodestra il campione attribuisce il 37 per cento delle preferenze.

A seguire, piuttosto staccato, il candidato governatore del Movimento Cinque stelle Giancarlo Cancelleri che si fermerebbe sotto la soglia del 30 per cento (il 29 per cento), in qualche modo confermando il dato generale, anche a livello nazionale, del partito, stando alle più recenti rilevazioni. La “novità”, se così si può dire, è data dall'avvicinamento di Fabrizio Micari, candidato del centrosinistra, al rappresentante grillino: le preferenze sarebbero del 28 per cento. A un passo quindi da Cancelleri. Risulterebbe molto staccato, invece, Claudio Fava, che si fermerebbe al 4 per cento, in netta difformità con altri recenti sondaggi.

La Stampa ha chiesto anche di valutare la possibile affluenza: questa dovrebbe attestarsi tra il 50 e il 55 per cento, confermando sostanzialmente i dati delle ultime elezioni nel 2012. Per il giornale torinese, stando ai numeri, “Giancarlo Cancelleri, sembra avere una notevole forza di disturbo ma non la capacità di vincere”, mentre “il centrosinistra come è configurato oggi non risulterebbe vincente. Quanto al candidato presidente, Fabrizio Micari, - prosegue La Stampa - quelli che lo conoscono, cioè una minoranza dei siciliani, ne hanno un’immagine molto positiva”. Il candidato della sinistra “Claudio Fava sarebbe destinato per sua natura – scrive La Stampa - a legarsi a forze isolate, quindi non vincenti”.

"I sondaggi in questa fase lasciano il tempo che trovano. È chiaro che quelli basati sulla notorietà danno in vantaggio qualcuno tra i competitor elettorali che fa politica da anni. I sondaggi avranno un senso quando le liste saranno chiuse e saremo in prossimità del voto. Noi siamo in viaggio per la Sicilia e avremo modo di fare conoscere il nostro programma e gli obiettivi che ci siamo prefissati, potendo contare anche su liste forti". È il commento dell'eurodeputato Giovanni La Via (Ap/Ppe) vicepresidente alla Regione designato per il centrosinistra che candidata a governatore Fabrizio Micari.