Live Sicilia

MAFIA

Incontro fra boss in Tribunale
Il summit fuori dall'aula


mafia, summit, boss, tribunale, palermo, cosa nostra,
Il Tribunale di Palermo

Il retroscena emerge dalle indagini del Nucleo speciale di polizia valutaria.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Gli incontri nei bar o al ristorante sono ormai all'ordine del giorno. Che i mafiosi si siano dati appuntamento dentro il palazzo di giustizia suona però come una beffa o una sfida.

Vito Galatolo, boss dell'Acquasanta, non era ancora un pentito quando nel 2013 frequentava il Tribunale di Palermo. Era finito nei guai giudiziari e gli era stato imposto il soggiorno obbligato a Mestre. Gli toccava, però, di tanto in tanto, fare la spola fra il Veneto e la Sicilia per seguire il processo. A Palermo, però, ci tornava volentieri indaffarato com'era a gestire a distanza la famiglia mafiosa. Con la scusa di rientrare a città per interessarsi alle vicende giudiziarie aveva la possibilità di organizzare degli incontri.

Li fissava, oltre che al bar o al ristorante, anche in Tribunale. Ce n'è uno in particolare, del 18 marzo 2013, nel corso del quale il capomafia avrebbe fatto il punto, questa è l'ipotesi investigativa, sulla gestione di video poker e slot macchine, fonti sicure di reddito per la criminalità organizzata. Alle 9:20 non sfuggì ai finanzieri che lo tenevano sotto osservazione la presenza, davanti a un'aula del secondo piano del palazzo di giustizia, di Vito Galatolo in compagnia di Santo, Vincenzo e Camillo Graziano. Santo Graziano sarebbe stato successivamente assolto, mentre Vincenzo e Camillo sono stati condannati.

All'inizio i soldi si facevano con l'edilizia. Poi, con la crisi del mattone, hanno dovuto diversificare. Il business divenne quello delle macchinette mangiasoldi. Le famiglie Galatolo, Graziano e Madonia sono rimaste indissolubilmente legate grazie al denaro. L'incontro di marzo servì, probabilmente, per mettere a punto la contabilità. Così ha raccontato Vito Galatolo: “Il resoconto dei guadagni di Cosa Nostra dalle slot machine mi è stato fatto una volta da Vincenzo Graziano, mandandomelo appositamente a Mestre tramite Camillo Graziano (nipote di Vincenzo ndr)... . Di tale resoconto ricordo che c'erano segnate entrate per circa 65.000 da siti, slot e pizzo per tre mesi. Dopo averlo letto, ho strappato il suddetto foglio, come si faceva sempre…”.

Dopo Mestre sarebbe stato necessario rivedersi a Palermo. E avrebbero scelto il tribunale, visti i guai giudiziari in corso, per non dare nell'occhio.