Live Sicilia

La lettera

Il benvenuto di Orlando al Papa
"Palermo accogliente e solidale"


benvenuto papa, palermo accogliente e solidale, palermo papa, sindaco orlando papa
Leoluca Orlando

La lettera del sindaco per l'arrivo del Santo Padre.


PALERMO - ''Palermo è oggi, anche grazie al seme di speranza lasciato da Padre Pino Puglisi e con lui dal Magistero del Cardinale Salvatore Pappalardo, una città in cammino; una città che a venticinque anni da quei giorni tristi e luttuosi, sta ritrovando la propria strada e che pur fra mille difficoltà e contraddizioni vuole porsi all'Italia e al mondo come modello possibile di comunità che accoglie e dialoga, perché riconosce che solo nell'accoglienza e nel dialogo può trovare liberazione, riscatto e sviluppo morale prima ancora che materiale''. E' uno dei passi della lettera di benvenuto a Papa Francesco del sindaco di Palermo Leoluca Orlando. ''Anche per questo - aggiunge - in sintonia con la intera comunità palermitana, abbiamo in questi mesi manifestato la speranza che il Beato Pino Puglisi possa diventare Patrono della nostra Città metropolitana''.

'
'Oggi Papa Francesco - scrive Orlando - incontra tanti frutti nati da quel seme di amore che Padre Puglisi ha gettato: dalla piccola, grande comunità di Brancaccio che ha continuato e continua l'impegno quotidiano di Don Pino, a tutta la comunità ecclesiale certamente, che ha trovato in Don Corrado non solo una guida, ma anche una fonte di forza e fiducia. Papa Francesco incontra anche la città dell'accoglienza e della solidarietà, una città dove 'non vi sono migranti', dove tutti e ciascuno, ovunque siano nati e da dovunque provengano, sono e sono riconosciuti come persone, titolari di diritti umani; quella città che nel quotidiano fa proprio, quale che sia la religione professata, quali che siano la nazionalità o il colore della pelle, l'insegnamento evangelico 'scomodo e impegnativo' che ci vuole portatori di speranza e di solidarietà''. ''Con migliaia di giovani - continua - e con Fratello Biagio e la sua Missione di Speranza e Carità che sono simboli di una città che riconosce l'unità e l'uguaglianza della comunità umana non solo di fronte a Dio, Papa Francesco incontra una città che si sforza di agire in modo solidale piuttosto che parlare''.(ANSA).