Live Sicilia

PALERMO

"Scafisti sui gommoni per necessità"
Assolti e scarcerati 14 imputati


palermo, scafisti, assolti, necessità
Foto di archivio

Processo a Palermo. Tutti i nordafricani in cella da due anni saranno liberati.


PALERMO - Scafisti per necessità. Tutti assolti gli imputati. Fa breccia nei giudici del Tribunale di Palermo la tesi difensiva degli avvocati Alessandro Martorana, Matteo La Barbera, Sergio Lapis, Daniele Giambruno, Loredana Culò, Bianca Savona, Emilia Lombardo, Consiglia Cioffa, Daniele Lo Piparo.

Secondo i legali, si sarebbero messi alla guida delle imbarcazioni per scappare dall'inferno dei lager dov'erano rinchiusi in Libia. Se davvero fossero stati componenti della banda criminale non sarebbero stati minacciati con delle pistole, fatti salire su un gommone senza benzina e senza salvagente, con il rischio di andare incontro alla morte.

Il pool di avvocati



Questi gli imputati assolti dal Tribunale presieduto da Fabrizio La Cascia e le rispettive nazionalità: Ebrina Fofana (Gambia), Fall Ibrahima (Senegal), Mamadi Jarju (Gambia), Mahamadou Bade (Senegal), Emanuele Nikwie (Ghana), Kofi Bilson (Ghana), Fall Mouhamed (Senegal), Sarr Mustefa (Gambia), Alex Janga (Guinea Bissau), Jobe Jegan (Gambia), Akim Karam Mohamed (Sierra Leone), Bah Draman (Senegal), Tune Ngala (Senegal).

Quella del 25 maggio 2016 fu un'ondata di sbarchi. A largo delle coste siciliane arrivarono un migliaio di migranti a bordo di 8 gommoni, tratti in salvo e trasportati a  Palermo dove furono identificati. Gli stessi passeggeri riconobbero gli scafisti, ma i legali hanno invocato per gli imputati la scriminante dello stato di necessità. I quattordici, in carcere da più di due anni, dovranno essere liberati nelle prossime ore.