Live Sicilia

PALERMO

Pestato a sangue per un rimprovero
"L'aggressore vuole chiedere scusa"


l'aggressore chiede scusa, palemro, portiere aggredito, portiere aggredito in via isidoro la lumia, rimproverato aggredisce il portiere, teatro politeama, via isidoro la lumia, via la lumia, violenza in centro a palermo, violenza nel palazzo via isidoro la lumia, volantinaggio, Cronaca, Palermo
Mario Nicosia mostra il luogo dell'aggressione

A finire nel mirino il portiere di una palazzo in centro, lunedì trovato in una pozza di sangue.


PALERMO - Sul tappeto quella macchia di sangue non vuole andare via. E' ancora rossa, viva come la paura arrivata all'improvviso lunedì pomeriggio, quando è esplosa la violenza. Una furia che ha reso necessario il trasporto d'urgenza in ospedale per un 41enne, portiere del palazzo al civico 19/c di via Isidoro La Lumia, massacrato di botte e trovato sanguinante dai residenti che hanno lanciato l'allarme.

A picchiarlo, un giovane pregiudicato palermitano che quel giorno stava facendo volantinaggio e attaccando alcune locandine per strada. Il ragazzo, in base a quanto la vittima ha raccontato ai carabinieri, avrebbe gettato dei volantini per terra e, una volta rimproverato dal portiere, lo avrebbe scaraventato per terra. Poi avrebbe sferrato calci e pugni, colpendolo al volto e alle spalle.

A sostituire Mirco, il portiere che è stato ricoverato al Civico, è da tre giorni Mario Nicosia. E' lui a mostrare quel tappeto sporco, ancora intriso di sangue: "Poteva andare peggio, molto peggio - dice -. Il mio collega ha rischiato di battere la testa qui sul muro, si è sfiorata la tragedia. Arrivare a certi livelli è disumano, siamo davvero tutti sconvolti"

Un episodio gravissimo, quello avvenuto nel salotto della città, a pochi metri dal Teatro Politeama, per il quale è finito in arresto un 25enne, adesso ai domiciliari per lesioni aggravate. Il ragazzo vorrebbe adesso chiedere scusa al portiere: "Stamattina è venuta qui la sorella, una ragazza che cercava Mirco - spiega Nicosia -. Le ho detto che lui non è ancora tornato perché non sta bene. Mi ha riferito che il fratello è dispiaciuto, che vorrebbe scusarsi, che ha reagito in un momento di rabbia. Qui siamo tutti increduli, non si era mai verificata una cosa simile. A quanto pare, dopo essere stato rimproverato dal mio collega questo giovane si era allontanato. Poi è tornato e avrebbe preso vita una discussione accesa, seguita dall'aggressione".

Sotto choc anche chi da tempo conosce la vittima, dai commercianti della zona a chi abita nello stabile che si trova accanto al noto pub "Berlin". "Quando sono tornato a casa - dice un residente - ho visto i carabinieri davanti al portone, l'ambulanza era già andata via. Non riuscivo a credere a quello che mi hanno raccontato, una vicenda assurda. Mirco lavora qui ormai da quattro anni, ha cominciato ad occuparsi della portineria dopo la morte del suocero, è sempre stata una persona pacifica. Chi l'ha preso di mira ha agito con una violenza incredibile, ci hanno detto che è stato trovato in una pozza di sangue".

"Le scuse non servono - commenta una donna che abita nel palazzo -. Questo giovane dovrebbe anzitutto chiedere perdono a se stesso, per ciò che ha fatto ad un padre di famiglia, mettendo in pericolo la sua vita". "Mirco se l'è vista davvero brutta - conclude il titolare di un negozio della zona - e non è possibile rischiare la pelle per un rimprovero. Non esistono più limiti, né rispetto. Per questo di fronte ad atti di pura violenza e menefreghismo come questo, non sono concepibili scuse o giustificazioni".