Live Sicilia

LA NOTA

Cancelleri replica a Musumeci
"Ribaltoni? Parlavamo di accordo"


cancelleri accordo musumeci, CANCELLERI MUSUMECI, cappello critica musumeci, Musumeci Cancelleri, Politica

Il M5s all'Ars non lesina critiche al presidente della Regione dopo la conferenza sul primo anno.

VOTA
0/5
0 voti

“Dietro le grafiche di Musumeci il nulla, e la prova del fallimento di questo governo è nella disastrosa variazione di bilancio, una sorta di manovra alla Robin Hood al contrario, che toglie agli ultimi per dare ai primi, che progetta perfino di aggredire il fondo per i disabili, e di azzerare il fondo per le povertà, finanziando enti inutili e marchette per i deputati della sua maggioranza”. Lo afferma il nuovo capogruppo del Movimento 5 stelle all’Ars, Francesco Cappello, a commento del resoconto del primo anno del “disastroso governo Musumeci”.

“Musumeci - dice Cappello - afferma che ha solo comunicato male? Può essere, di certo c’è che è veramente difficile comunicare il nulla”. Il deputato 5stelle sottolinea anche la “vergognosa assenza” di Musumeci in aula. “Come Crocetta - dice Cappello - Musumeci diserta, insieme alla sua maggioranza, l’aula per discutere con i giornalisti, invoca il senso di responsabilità del parlamento sulle variazioni di bilancio e poi si sottrae al dibattito d’aula sui tagli, e sulle storture della sua manovrina, che anche in questa circostanza è frutto di decisioni unilaterali e comprovano l’incapacità di questo governo, non solo di programmazione della spesa, ma anche della capacità della spesa stessa”.

Anche Giancarlo Cancelleri risponde a Musumeci. “Mai parlato di poltrone, mai parlato di ribaltoni, di queste cose parlano i compagni di viaggio e di coalizione di Musumeci. Noi avevamo solo proposto un accordo sui progetti per la Sicilia, ma, evidentemente, salvare l’isola, che ha il pilota automatico puntato verso il baratro, a Musumeci non interessa. Ne prendiamo atto”. “Il report del suo prima anno? Solo un’operazione di camouflage grafico per nascondere il disastro assoluto, ma, grafiche a parte, lo scempio è sotto gli occhi di tutti. Musumeci dice che questo per lui è stato l’anno più bello della sua vita? Peccato che questo ha coinciso con l’anno peggiore dei siciliani. E questo è tutt’altro che un caso”. “Qualche giorno fa - conclude Cancelleri - il presidente si appellava al silenzio del dovere: fuori luogo, come sempre, perché i siciliani meritano risposte e meritano di vedere realmente cambiare le cose”