Live Sicilia

Palermo

"Niente taser per i vigili urbani"
La mozione di Catania e Ferrandelli


fabrizio ferrandelli contrario al taser per i vigili urbani di palermo, giusto catania contrario al taser per i vigili urbani di palermo, mozione giusto catania fabrizio ferrandelli contro la sperimentazione del taser a palermo

La mozione a Sala delle Lapidi contro la sperimentazione della pistola elettrica in città.


PALERMO - "Per dire 'No' alla dotazione e all'utilizzo in via sperimentale del taser alla Polizia Municipale della città di Palermo", stamattina in Consiglio comunale è stata proposta e approvata una mozione. Primi firmatari, Giusto Catania, capogruppo di Sinistra Comune e Fabrizio Ferrandelli, capogruppo dei Coraggiosi. "Il Taser è uno strumento di tortura, lo attesta l'Onu - dice Catania -. L'elettricità utilizzata fa contrarre i muscoli e provoca dolorosi spasmi. Inoltre il taser lancia piccoli aghi legati da fili elettrici al dispositivo che, a contatto con il soggetto, emettono una scarica ad alta tensione. I rischi per la salute della persona sono elevati. Palermo non ha l'obbligo di dotarsi di un simile apparecchio e da sempre è stata in prima linea per la tutela dei diritti: con l'uso del taser si metterebbe in atto una violazione dei diritti fondamentali della persona". "Chiediamo al sindaco dunque di impegnarsi affinché i taser non siano dati in dotazione alla Polizia Municipale". (ANSA).

"Abbiamo votato contro l’ordine del giorno sull’abolizione del taser in dotazione ai vigili urbani perché era stato convocato il comandante dei vigili poter affrontare l’argomento e ascoltare le ragioni che hanno determinato la richiesta dell’uso del taser - dice il capogruppo di Forza Italia Giulio Tantillo - La maggioranza che sostiene il sindaco ha deciso per la bocciatura senza aspettare l’arrivo del comandante, ecco perché abbiamo votato contro. L’assenza dei vertici della polizia municipale non è stata gradita dall’aula, ma il voto è una fuga in avanti e una bocciatura della maggioranza nei confronti del Sindaco".

"Il consiglio comunale di Palermo ha scritto una pagina buia, dimostrando ancora una volta di non avere alcun reale interesse verso la sicurezza dei cittadini e delle forze dell’ordine - dicono i consiglieri della Lega Igor Gelarda ed Elio Ficarra - Oggi il consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno per non avviare a Palermo la sperimentazione dell’uso del taser per la polizia municipale , come previsto nel decreto sicurezza di Matteo Salvini. Il taser è uno strumento che immobilizza gli aggressori con una scarica elettrica. Non fa bene all’aggressore, ma certamente è molto meno pericoloso di un’arma da fuoco. Forze dell’ordine munite di uno strumento come questo sono in grado di intervenire meglio e possono mettere maggiore soggezione ai criminali che quindi saranno anche meno propensi ad azioni violente. Ricordo che un uomo in divisa difficilmente potrà usare la pistola contro chi ha un coltello, un pezzo di vetro, una spranga. In situazioni come queste le forze dell’ordine si trovano a mani nude contro gli aggressori. Sono questii casi più pericolosi. E come possono mai difendere i cittadini in queste condizioni? Il provvedimento del consiglio comunale in ossequio alla retorica della peggior sinistra e che pone al centro i diritti dei violenti, finisce in questo modo per ledere profondamente i diritti dei cittadini, della povera gente, e delle forze dell’ordine. Qualunque strumento per offendere se usato male può essere pericoloso, ma uno strumento che immobilizza, il taser, non può essere considerato più nocivo di uno strumento che uccide: la pistola. Gli operatori peraltro saranno formati e risponderanno comunque di usi impropri. Io credo che in questo gioco della sinistra a contraddire i provvedimenti del Ministro Salvini per partito preso, si commetta un grave torto ai cittadini ed al loro diritto a vivere in città sicure. Proprio per questo inizia qui la battaglia della Lega perché questa insana decisione del consiglio comunale sia revocata".