Live Sicilia

LA NOTA

M5s: "Miccichè critica Conte?
Allora siamo sulla strada giusta"


cappello critica miccichè, cappello massoneria, cappello miccichè, miccichè cappello, Politica

Il capogruppo Cappello contesta anche l’aver dato il via libera all’ennesimo “convegno fuori luogo”

VOTA
0/5
0 voti

“Miccichè non trova nulla di buono nel governo Conte? Il suo giudizio per noi è una medaglia e il segno inequivocabile che siamo sulla strada giusta. Pensi piuttosto al governo regionale del nulla di cui è socio azionista, la cui inconsistenza è sotto gli occhi di tutti”. Lo afferma il capogruppo M5S a Palazzo dei Normanni, Francesco Cappello, in risposta ad un’intervista rilasciata a LiveSicilia dal presidente dell’Ars. “Forza Italia - afferma Cappello - è consapevole di avere imboccato definitivamente il viale del tramonto e cerca in tutti i modi di finire sotto i riflettori dei media. Purtroppo per lui, ciò non basta ad ingannare i siciliani che hanno sotto gli occhi l’inconsistenza e l’incapacità del governo Musumeci, fino ad oggi letteralmente non pervenuto, e la Finanziaria, approdata fuori tempo massimo all’Ars, fatta di tagli e nome spot, ne è la plastica dimostrazione”.

“Sapevamo – continua Cappello – che l’operato di un governo nazionale in totale discontinuità con tutti gli esecutivi che lo hanno preceduto e che avevano dimenticato i cittadini a vantaggio degli interessi di pochi, avrebbe prodotto la reazione scomposta ed unitaria dell’intero establishment. Non ci importa, a noi sta a cuore soltanto aver fatto l’interesse dei cittadini, soprattutto degli ultimi”.

A Miccichè, Cappello contesta anche l’aver dato il via libera all’ennesimo “convegno fuori luogo all’Ars”. “Dopo l’ok a Cuffaro e al docufilm su Mori e De Donno, oggi, con il sì al convegno sulla Massoneria, Miccichè continua a spostare verso il basso l’asticella della decenza del parlamento siciliano. Miccichè, del resto, è famoso per le iniziative indecenti. Non dimentichiamo che lui è quello che voleva cambiare il nome all’aeroporto di Palermo, cancellando i nomi di Falcone e Borsellino. Avere nulla in comune con questa gente per noi è un onore”.