Live Sicilia

PALERMO

Avvocato "ammanettato" in ospedale
"Il questore faccia chiarezza"


avvocato ammanettato in ospedale, avvocato lima, francesco greco, giovanni lima, ordine avvocati palermo, Cronaca
Il Pronto soccorso di Villa Sofia

Il presidente dell'ordine Francesco Greco interviene nella vicenda.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - “Il questore di Palermo intervenga per fare chiarezza su quanto accaduto a Villa Sofia. Se le cose sono andate come racconta l'avvocato Giovanni Lima, e non ho motivo di dubitarne, sarebbe opportuno intervenire. Non è ammissibile che un cittadino che filma quanto accade in un pronto soccorso venga ammanettato e trattato come un criminale”.

Così il presidente dell'ordine degli avvocati di Palermo, Francesco Greco, interviene nella vicenda che ha avuto per protagonista l'avvocato Giovanni Lima. È stato quest'ultimo a raccontare su Facebook di essere stato “strattonato da una guardia giurata e poi bloccato dalla polizia”.

Il legale il giorno dell'Epifania ha atteso cinque ore al pronto soccorso di Villa Sofia che la moglie, a cui era stato assegnato il codice giallo, venisse visitata. Nel frattempo- gli accessi in poche ore sono stati un centinaio - Lima ha filmato con il telefonino le lamentele dei pazienti. Il metronotte ha chiamato la polizia che ha fermato il legale portandolo in commissariato in manette e gli ha sequestrato il cellulare. È stato denunciato per molestie a persone e interferenze illecite nella vita privata. Sembrerebbe che alcuni pazienti gli avessero chiesto di smettere di usare il telefonino. Il legale ha riferito quanto accaduto al presidente Greco e presenterà un esposto in Procura.