Live Sicilia

La decisione del Riesame

L'estorsione alle sorelle Napoli
Scarcerati tutti gli indagati


estorsione sorelle napoli, mezzojuso, sorelle napoli, Palermo

Annullata l'ordinanza di custodia cautelare.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Scarcerati i tre indagati per la tentata estorsione alle sorelle Napoli di Mezzojuso.

Il Tribunale del riesame ha rimesso in libertà Antonino Tantillo detto 'Nenè' e Liborio Tavolacci, accogliendo il ricorso degli avvocati Antonio Di Lorenzo, Filippo Liberto e Salvatore Aiello. Divieto di dimora per Simone La Barbera, assistito dall'avvocato Raffaele Bonsignore, che però è detenuto anche per il blitz Nuova Cupola. Non si conoscono ancora le motivazioni con cui il Riesame ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare emessa il 22 dicembre scorso. Sono accusati di estorsione nei confronti delle sorelle Napoli, Irene Gioacchina e Marianna, e della madre Gina La Barbera.

Le donne, proprietarie di un terreno a Corleone (Pa), da oltre dieci anni denunciano intimidazioni e minacce per costringerle a cedere l'attività agricola di produzione di foraggio e cereali.