Live Sicilia

LA NOTA

"Somme per forestali in Finanziaria"
Richiesta dei sindacati al governo


fai cisl, finanziaria forestali, Flai Cgil, forestali, forestali 2019, forestali finanziaria, forestali sicilia, forestali sicilia sindacati, uila uil sicilia

Chiedono che le risorse per coprire il fabbisogno del settore siano interamente stanziate.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Le segreterie Regionali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil Sicilia chiedono che "le somme necessarie a coprire il fabbisogno del settore forestale per l'anno 2019 siano già stanziate integralmente nel bilancio della Regione". E sollecitano i parlamentari dell'Ars "a mantenere questa condizione durante i lavori dell'aula per garantire una vera programmazione del settore, per la manutenzione e la salvaguardia delle aree boscate, per la lotta al dissesto idrogeologico ma anche per garantire continuità nell'attività lavorativa, evitando turni a spezzatino, e la regolarità nei pagamenti delle retribuzioni dei lavoratori".

"Si tratta - scrivono in una nota i segretari dei tre sindacati Pierluigi Manca, Tonino Russo e Antonino Marino - di ridare dignità a un comparto marginalizzato e spesso denigrato negli anni passati. Riteniamo inoltre come annunciato e chiesto con l'attivo unitario del 10 gennaio 2019, che bisogna nell'immediato attivare un confronto serio sulla riforma del comparto forestale, partendo dalla nostra proposta, e che in tempi brevi si possa arrivare a una soluzione che dia risposte al territorio e garantisca stabilità nel lavoro". I sindacati ricordano che nel 2018 "il ricorso ai fondi europei, per via delle lungaggini burocratiche ha determinato il mancato pagamento delle mensilità di novembre e dicembre 2018, che si sta perfezionando in questi giorni". Da Flai, Fai e Uila inoltre l'auspicio che "le risorse finanziarie individuate nel bilancio regionale diano copertura ai fabbisogni dei consorzi di bonifica e dell'ente di sviluppo agricolo per tutto il 2019, comparti, anche questi - sottolineano - per i quali riteniamo non più differibile un rilancio attraverso una riorganizzazione che possa dare risposte al mondo agricolo siciliano".