Live Sicilia

La storia

Calogero e la lotta al tumore
Via alla rete di solidarietà


calogero gliozzo, fondi, nissoria, raccolta fondi, raccolta fondi 27enne ennese, raccolta fondi calogero gliozzo, speranza, terapia, tumore, Cronaca, Enna
Calogero Gliozzo, 27 anni

La battaglia coraggiosa di un ragazzo. E i fondi che servono per vincerla.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Ha attraversato tutte le avversità che il brutto male da cui è affetto gli poneva davanti, con coraggio. Ora c'è una possibilità molto costosa e a chilometri di distanza da lui. Sono giorni difficili per Calogero Gliozzo, 27enne di Nissoria, nell’Ennese, che combatte con un tumore le cui potenziali cure sono dispendiose e indisponibili in Italia. Negli ultimi giorni, però, è nata in una fitta rete solidale, con la speranza di permettere alla famiglia Gliozzo di tentare tutte le alternative.

Prima della malattia, la vita di Calogero è quella di tanti ragazzi della sua età; tra gli studi economici e la passione per la poesia, però, si mette di mezzo un linfoma che è riuscito a resistere a più linee terapeutiche, compresa la chemio. “Non ha mai vacillato in questi due anni in cui ha iniziato la spola tra la Sicilia e Pavia per tentare di sconfiggere il cancro”, raccontano le sue sorelle, Sandra e Valentina, sulla piattaforma di raccolta fondi GoFundMe, sulla quale è possibile contribuire alla causa e da cui è partita l’ondata di solidarietà che da Nissoria si sta espandendo a macchia d’olio.

Il sito infatti non ha il solo scopo di raccontare Calogero, ma è uno snodo chiave attraverso cui contribuire al suo futuro. L’obbiettivo da raggiungere è la Car-T, terapia di biologia cellulare non disponibile in Italia ma in uso negli Stati Uniti, i cui costi “possono superare i 475mila dollari”, spiegano Sandra e Valentina. Una cifra fuori portata per qualsiasi famiglia media, ma che è già nel mirino delle tante persone che, venuta a sapere la storia di Calogero, hanno deciso di donare. Nel momento in cui si scrive, la raccolta ha superato quota 49mila euro su 500mila fissati come tetto, a cui si sommano gli oltre 5.000 finora raccolti tramite un’iniziativa parallela del sindaco di Nissoria, Armando Glorioso. La raccolta fondi si è spinta anche ben oltre; finora il duo comico I soldi spicci e Valentina Ferragni, sorella dell’influencer Chiara, hanno accolto l’appello di diffondere la richiesta d’aiuto nelle loro ‘stories’ Instagram.

I due canali per le donazioni continuano ad attirare visitatori, mentre sul territorio ennese procede una massiccia campagna di ricerca di aiuti: a Nissoria, ma non solo, c’è chi ha organizzato cene a base di hamburger, chi ha promosso una raccolta fondi durante un concerto di cover di Vasco, chi ha coinvolto appassionati di calcio in una partita amatoriale: tutto a sfondo benefico, per contribuire a realizzare il sogno della famiglia Gliozzo. I rischi ci sono, ma anche la determinazione: “Il trattamento viene definito rivoluzionario - scrivono le sorelle - e speriamo che possa essere disponibile in Italia per i pazienti come nostro fratello, che come lui stanno lottando contro un male oscuro che toglie sogni e possibilità”.