Live Sicilia

PALERMO

"Ragazzino picchiato in strada"
Quattro poliziotti a processo


agenti imputati, inseguimento giovane palermo, poliziotti a giudizio, POLIZIOTTI PROCESSATI, processo poliziotti palermo, ragazzo picchiato in strada, Cronaca

Il giudizio riguarda un inseguimento avvenuto di notte nel zona del porto.


PALERMO - Tutti rinviati a giudizio. Il prossimo 7 maggio quattro poliziotti si dovranno presentare in Tribunale da imputati. Si tratta di Salvatore Bianco, Giuseppe Madonia, Luciano Barbaro e Giovanni Davide Amato. Bianco è imputato di lesioni, mentre gli altri tre agenti sono accusati di omissione d'atti d’ufficio e falso in atto pubblico.

Il processo prende le mosse da quanto accaduto la notte del 10 febbraio 2018. Ad indagare sui colleghi, coordinati dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dal sostituto Giorgia Spiri, sono stati i poliziotti della Squadra mobile. Nella zona del porto una volante intercettò uno scooter con due ragazzi in sella, di cui uno senza casco. Gli agenti provarono a fermarli, ma i due giovani si diedero alla fuga. Furono bloccati in via Benedetto Gravina. È qui, prima che arrivasse il supporto di una seconda volante, che Bianco avrebbe sferrato un pugno al sedicenne. Gli animi si erano surriscaldati dopo che i poliziotti scoprirono che alla guida del mezzo, sprovvisto di assicurazione, c'era un giovane senza patente. A quel punto gli agenti avrebbero lasciano andare  i due ragazzi, scrivendo nella relazione di servizio di averli controllati mentre giravano a piedi e senza avere riscontrato irregolarità.

Il giovane che ricevette il colpo si fece visitare al pronto soccorso di Villa Sofia: frattura del setto nasale, prognosi di 30 giorni. Il giorno dopo il padre presentò una denuncia. Il figlio ricordava lo spiccato accento napoletano dell'uomo in divisa che lo aveva colpito. Si trattava di Bianco. Gli indagati si sono sempre difesi, sostenendo che le cose siano andate diversamente da come sono state ricostruite e sono certi di poterlo dimostrare in dibattimento. Un dibattimento che ha visto la costituzione di parte civile della giovane vittima, con l'assistenza dell'avvocato Nino Zanghì.