Live Sicilia

IL RICORDO

Morì nello scontro in via Pollaci
Memorial per Mattia a Villa Tasca


corso calatafimi, incidente corso calatafimi, incidente mattia gennaio, incidente villa tasca, marco venditti, memorial calcio, memorial mattia gennaro, quartiere villa tasca, via pollaci, Cronaca, Palermo
Mattia Gennaro, aveva 22 anni

Un torneo di calcio per ricordare il ragazzo rimasto ucciso in un incidente un anno fa.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il ricordo di Mattia è ancora vivo e a distanza di quasi un anno, chi lo conosceva fa fatica a trattenere le lacrime. Aveva soltanto 22 anni quando ha perso la vita in un terribile scontro con un'auto avvenuto in corso Calatafimi, all'angolo con la via Pollaci. Un tratto di strada che aveva già fatto da scenario a incidenti gravi, ma quella notte le conseguenze furono le peggiori: il giovane, che abitava nella zona di Villa Tasca, stava tornando a casa e si trovava a bordo del suo Honda Sh quando avvenne l'impatto con una Toyota Yaris. Uno schianto che non gli lasciò scampo.

La morte di Mattia Gennaro gettò nello sconforto l'intero quartiere, in cui tutti lo conoscevano e lo amavano. Per questo, a pochi giorni dall'anniversario della tragedia, è già in programma un memorial per ricordarlo: "Per non dimenticare un amico di tutti", si legge sulla pagina "Quartiere Villa Tasca - Palermo" , dove decine di messaggi vengono in queste ore scritti dagli amici del ragazzo.

"E' già trascorso un anno - dice Mario - ma non riesco ancora a crederci". "Mattia - aggiunge Francesco - ci manchi ogni giorno, questo memorial ci farà sentire più vicini". Ad organizzarlo è il papà di Mattia, Salvatore Gennaro: il torneo di calcetto si terrà domenica 3 marzo alle 16 nel campo adiacente alla chiesa Maria Santissima Mediatrice. "Parteciperanno otto squadre - spiegano - e sarà diviso in due gironi da quattro, ad eliminazione diretta con finale il 4 Marzo alle 20, dopo la celebrazione della messa delle 18.30 in suffragio di Mattia".

Un ricordo vivo, come quello per Marco Venditti, il ragazzo che ha perso la vita il 28 marzo 2006. Anche per lui ogni anno nel quartiere viene organizzata una manifestazione sportiva: dal 2007 i suoi amici giocano sullo stesso campo di calcio che Marco amava. Lì aveva iniziato a calciare come tanti giovani della zona che ancora oggi sentono la sua mancanza. Su quel muro, a distanza di pochi mesi dalla tragedia, è stato anche realizzato un murales di nove metri.

"Quella di Mattia - spiegano i residenti di Villa Tasca - è stata un'altra perdita terribile per il nostro quartiere. Qui i nostri ragazzi si conoscono tutti e ogni anno mettono insieme le forze per ricordare, come fosse soltanto ieri, Marco. Quest'anno saremo tutti insieme anche nel nome di Mattia. Erano entrambi giovanissimi, con una grande voglia di vivere e pronti sempre a regalare un sorriso. Impossibile dimenticarli, saranno nei nostri cuori sempre".