Live Sicilia

Il processo

Il martirio del piccolo Di Matteo
Le minacce: "Attappaci la bocca..."


di matteo, parla la madre francesca castellese, processo, Cronaca

La deposizione di Francesca Castellese, moglie del pentito Mario Santo Di Matteo.

VOTA
0/5
0 voti

CALTANISSETTA - "Dopo il rapimento di Giuseppe abbiamo cominciato a ricevere messaggi minatori. Mi dicevano di non fare parlare mio marito. Scrivevano 'attappaci la bocca'. Li mettevano sotto la porta della casa di mio suocero, ad Altofonte". Comincia col raccontare le intimidazioni ricevute dopo l'inizio della collaborazione del marito con i magistrati,
Francesca Castellese, moglie del pentito Mario Santo Di Matteo e madre del piccolo Giuseppe Di Matteo, sequestrato per costringere il padre a interrompere la collaborazione con la giustizia e strangolato dopo 779 giorni di prigionia dagli uomini di Cosa nostra.


La donna sta testimoniando davanti al tribunale di Caltanissetta al processo per calunnia aggravata dall'avere favorito la mafia a carico dei funzionari di polizia Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo. I tre imputati, imbeccando ad arte falsi pentiti perché dessero una versione fasulla della fase esecutiva della strage di via D'Amelio, avrebbero depistato le indagini sull'attentato. Una deposizione, quella della Castellese, molto drammatica, interrotta dalle lacrime della donna, tanto che il pm, più volte, ha chiesto di rinviare la testimonianza. La teste però ha preferito continuare dicendo al presidente del tribunale "fatemi ora le domande, ma non fatemi tornare più".

Non ricorda di aver mai detto al marito i suoi sospetti sulla presenza di infiltrati nella strage di via D'Amelio: Franca Castellese, moglie del pentito Santo Di Matteo, sentita al processo sul depistaggio delle indagini sull'attentato al giudice Borsellino, si è chiusa dietro un totale silenzio, dicendo di non avere memoria di un dialogo col marito intercettato dalla Dia nel 1993. Durante il colloquio - Di Matteo aveva già cominciato a collaborare - la donna era stata registrata mentre diceva: "Senti a me qualcuno è infiltrato per conto della mafia, tu questo stai facendo a Borsellino c'è stato qualcuno infiltrato, io questo ti dico. Mi devi fare capire se c'è qualcuno della mafia infiltrato nella polizia. Mi devi aiutare perché mi spavento". Parole che hanno destato l'attenzione degli inquirenti su cui la donna, madre del piccolo Giuseppe ucciso dalla mafia per far ritrattare il padre, oggi ha sostenuto di non aver memoria. (ANSA)