Live Sicilia

Palermo

Orlando sceglie "i fedelissimi"
Pronte le nomine dello staff


componenti nuovo staff sindaco Orlando, comune di Palermo, fedelissimi Leoluca Orlando, nuovo staff sindaco di palermo leoluca orlando, staff sindaco di palermo, Politica, Palermo

La giunta del Professore approva una delibera che porta da quattro a cinque i componenti. I nomi


PALERMO - Uno per i rapporti internazionali, uno per lo sport, un altro per la cultura e il turismo, uno per le relazioni interne e uno che si occuperà di immagine. La squadra del sindaco Leoluca Orlando prende forma: mentre fervono ancora le trattative per i dirigenti, ieri la giunta del Professore ha approvato una delibera che porta da quattro a cinque i così detti “ex articolo 90”. Si tratta in poche parole di persone interne o esterne all’amministrazione, ma scelte direttamente dal primo cittadino come componenti del proprio staff e inquadrati alla stregua dei dirigenti: collaboratori di fiducia, ma senza compiti gestionali.

La delibera ovviamente non contiene nomi, ma due importanti novità: le caselle passano da quattro a cinque e soprattutto si supera il rilievo del Ministero dell’Economia che nella sua poderosa relazione aveva puntato il dito anche su questo capitolo. Nella scorsa sindacatura, infatti, gli articoli 90 erano quattro: due esterni e due interni. Gli esterni erano la storica segretaria Donatella Gariffo e il portavoce, ossia il giornalista Giorgio Giorgi che oggi lavora invece al ministero dei Beni culturali come capo dell’ufficio stampa. Gli interni erano invece Fabio Giambrone e Diego Bellia, su cui gli ispettori ministeriali hanno sollevato qualche obiezione tanto che gli uffici comunali, per cautela, hanno interrotto i termini di prescrizione: in pratica non hanno chiesto indietro le somme percepite, ma hanno comunque interrotto i termini tanto che al momento non ci sono contenziosi in atto.

Proprio per superare il rilievo del Mef, la delibera prevede che il dipendente comunale scelto come articolo 90 non sia equiparato al dirigente ma all’alta professionalità, ossia il massimo gradino a cui può aspirare un funzionario. Approvata la delibera, adesso toccherà alle nomine. Orlando, in più occasioni, ha annunciato di voler scegliere due articoli 90 per seguire le deleghe che ha mantenuto, cioè il Turismo e lo Sport, a cui vanno aggiunti i collaboratori pregressi: da qui l’aumento da quattro a cinque posti. Ancora non c’è nulla di ufficiale, ma le voci si rincorrono e vogliono che su cinque componenti di staff stavolta gli esterni siano tre.

Non dovrebbero esserci sorprese sulla conferma di Donatella Gariffo, storica collaboratrice del sindaco ed esperta di relazioni internazionali; per il Turismo e la Cultura si fa invece spazio il nome di Leonardo Di Franco, ex presidente dell’Accademia delle Belle arti e consigliere di amministrazione della Fondazione Teatro Massimo in quota Comune. Il terzo esterno si occuperà invece di comunicazione e immagine, ma non dovrebbe essere un giornalista e quindi un portavoce in senso stretto.

Passiamo agli interni che, come detto, saranno equiparati ad alte professionalità e quindi percepiranno retribuzioni inferiori rispetto al passato. Allo Sport potrebbe andare l’attuale responsabile dell'unità operativa del cerimoniale Fabio Corsini, tra gli organizzatori della Favorita chiusa la domenica. Il quinto dovrebbe essere invece Diego Bellia, altro storico collaboratore del sindaco che si occuperà di relazioni interne e tornerà quindi a occupare la stessa poltrona di prima. A questi si aggiungono i due esperti del sindaco, ossia lo storico collaboratore Pietro Galluccio e l’esperto di social media Alessandro Lombardi.