Live Sicilia

Palermo

"Oltre 500 precari da stabilizzare
Madia, Comune inadempiente"


comune di Palermo, legge madia, stabilizzazione precari comune di palermo

L'allarme dei sindacati del pubblico impiego.


PALERMO - Il Comune di Palermo ha stabilizzato soltanto 53 lavoratori rispetto ai 582 previsti dalla legge Madia. A lanciare l’allarme Margherita Amiri e Mario Basile segretario provinciale e responsabile dipartimento Funzioni locali Cisl Fp Palermo Trapani, con il gruppo Rsu al Comune di Palermo. “Nonostante sia stato approvato a dicembre 2018 il piano triennale del fabbisogno del personale con la programmazione delle assunzioni e nonostante sia stata ratificata la stabilizzazione dei dipendenti ai sensi della legge Madia - affermano Amiri, Basile e il gruppo Rsu - il Comune stenta ad attuare quanto è stato deciso, avendo provveduto a una parte minima di quanto sancito”. La Cisl Fp sollecita l’amministrazione a concludere urgentemente le procedure per la sottoscrizione dei contratti a tempo indeterminato. “Non si comprendono i motivi di questo stallo - aggiungono Amiri, Basile e il gruppo Rsu - ulteriori ritardi potrebbero provocare un arresto o un ulteriore differimento. Questi lavoratori sono stati reclutati a tempo determinato tramite regolari procedure concorsuali”. La Cisl Fp rimarca come il percorso, oltre a consentire la stabilizzazione dei precari in tempi celeri, sollevi il Comune da responsabilità amministrativo-contabile, superando, eventuali rilievi sulla garanzia dell’adeguato accesso dall’esterno. “Abbiamo chiesto di istituire un tavolo tecnico per ridefinire una programmazione più coerente col fabbisogno reale e attuale delle risorse umane - dichiarano Amiri, Basile e il gruppo Rsu - Prevedendo l’aumento delle ore al personale part-time con l’utilizzo di tutte le risorse disponibili, la riqualificazione del personale e la valorizzazione delle professionalità interne attraverso le progressioni verticali. Dopo lunghi anni di precariato, non si può perdere altro tempo nel dare certezza e stabilità a questo personale che con il proprio lavoro ha contribuito, in modo sempre più prevalente, a garantire i servizi ai cittadini”.