Live Sicilia

PALERMO

Viale Regione a tre corsie
Da settembre si cambia


circonvallazione palermo, mobilita palermo, traffico palermo, viale regione siciliana, viale regione siciliana tre corsie, Palermo

Dopo Pasqua i lavori, prevista una parte riservata ad autobus, taxi e mezzi pesanti FOTO


PALERMO - Una circonvallazione a tre corsie, di cui una dedicata a mezzi pesanti, autobus e taxi, più due per i veicoli normali e ovviamente quella d’emergenza. E’ una vera e propria rivoluzione quella che sta per arrivare in viale Regione siciliana, una delle principali strade di Palermo che fa da collegamento tra due autostrade e attraversa tutta la città.

CLICCA QUI PER LE FOTO DEL PROGETTO


Il progetto non è di certo nuovo, visto che l’assessore Giusto Catania aveva già firmato l'ordinanza nella scorsa sindacatura, ad aprile, ma finora è rimasto ben chiuso in un cassetto. Al suo rientro in giunta, il leader di Sinistra Comune era stato chiaro: l’idea non è morta, anzi si ripresenterà. E adesso il Comune dopo ben due anni passa ai fatti, con un piano che partirà dopo Pasqua e si concluderà a metà agosto: una marcia a tappe forzate ma che deve fare i conti con il traffico e che quindi procederà lentamente e a tratti.

Sarà interessato quasi tutto viale Regione, dallo svincolo Bonagia alla rotonda di via Belgio (tranne che sul ponte Corleone e in alcuni punti all’altezza delle uscite o entrate), anche se i lavori saranno solo di rifacimento del manto stradale e della segnaletica orizzontale e verticale, affidando tutto ad Amat e Rap.

Ma cosa cambierà? In realtà non ci sarà alcuna variazione alla carreggiata, saranno semplicemente ridisegnate le corsie. Attualmente su 12 metri quattro servono per la corsia d’emergenza e il resto viene diviso nelle due corsie di marcia e sorpasso; col nuovo assetto, invece, la corsia d’emergenza passerà da quattro a 2,5 metri, poi ce ne sarà una limitrofa (quindi a destra) da 3,5 metri per i mezzi pesanti, gli autobus e i taxi e infine due ordinarie, da tre metri l’una, per tutti gli altri veicoli. Rimane escluso il tratto iniziale lato Messina, cioè dalla rotonda Oreto allo svincolo Bonagia, visto che qui la carreggiata è più stretta.

"Si tratta - affermano il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore Giusto Catania - di un provvedimento che mira a fluidificare la viabilità in una delle strade che è certamente fra quelle con il traffico maggiore in Italia, con gravi conseguenze in termini di inquinamento dell'aria ed acustico". I limiti di velocità resteranno però invariati: 30, 50 o 70 chilometri orari a seconda del tratto, ma il vantaggio delle tre corsie, secondo i tecnici, è che nelle ore di punta il traffico sarà più fluido.

Le tre corsie (quattro, se si conta anche quella d’emergenza) partiranno definitivamente però solo a lavori finiti: i cantieri dovrebbero chiudersi prima di Ferragosto e probabilmente a settembre ci sarà quindi la partenza delle tre corsie. Ma è anche possibile che, terminata una carreggiata (in direzione Trapani o Messina), il provvedimento venga applicato già in quella predisposta, con una partenza quindi a tappe.