Live Sicilia

Europee

Forza Italia, Milazzo resiste
E alla fine spunta Giammanco


Europee Forza Italia, europee isole, europee lista forza italia sicilia, giuseppe milazzo, Politica

Non c'è La Via e non ci sono catanesi.


La candidatura di Giuseppe Mlazzo resiste. E così non c'è posto nella lista di Forza Italia per Giovanni La Via, il catanese eurodeputato uscente eletto allo scorso giro con Ncd e poi rientrato in Forza Italia. Lo sponsorizzava Antonio Tajani ma Gianfranco Micciché, che aveva chiesto al capogruppo all'Ars di candidarsi, ha tenuto il punto e alla fine Forza Italia, dopo un lungo e tesissimo braccio di ferro ha seguito la linea del commissario regionale, attorno al quale si erano stretti in questi giorni i deputati regionali e nazionali del partito.

Non c'è La Via, non ci sono catanesi, non c'è un esponente dell'anima del partito ex An che ha nel sindaco di Catania
Salvo Pogliese un esponente di punta. Non è difficile prevedere che questo esito potrà avere degli strascichi nel partito dopo l'altissima tensione di questi giorni.

Dietro Silvio Berlusconi, capolista, i tre candidati uomini sono quindi l'uscente Salvatore Cicu, il centrista Saverio Romano e il capogruppo all'Ars Giuseppe Milazzo. Le quattro donne candidate sono Giorgia Iacolino, figlia dell'ex eurodeputato Salvatore, sostenuta dal partito agrigentino, Dafne Musolino, candidata messinese scelta dal sindaco Cateno De Luca, su cui punta l'Udc e anche altri centristi sullo Stretto, la sarda Gabriella Greco. Stefania Prestigiacomo, pur invitata dal Cavaliere, non sarà della partita, e a sorpresa, quando sembrava certa la candidatura della senatrice Utania Papatheu, la parlamentare palermitana Gabriella Giammanco, che sarà numero due della lista. "Sono felice di correre per le prossime elezioni a fianco del presidente Berlusconi, che ringrazio per la fiducia che ripone nella mia persona", commenta Giammanco. Una sorpresa in zona Cesarini, visto che in tarda mattinata Gianfranco Micciché aveva confermato i nomi con uno stringato comunicato e tra quei nomi c'era appunto Papatheu e non Giammanco. A quella nota ne è seguita un'altra con la correzione.