Live Sicilia

L'INCHIESTA

L'arresto non fermò Nicastri
Le direttive al balcone di casa


arresto vito nicastri, vito nicastri, vito nicastri balcone casa, vito nicastri paolo arata, Cronaca, Trapani

Gli scatti che inguaiano l'imprenditore trapanese.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Gli arresti in casa non lo hanno fermato. Vito Nicastri impartiva le direttive sugli affari affacciato al balcone della sua casa ad Alcamo. Una palazzina bassa a poche centinaia di metri dagli uffici della Solcara srl in via Giordano. La Solcara è una delle società dell'asse Nicastri-Arata per il business delle energie alternative.

Quando pochi giorni fa gli agenti della Dia sono andati a notificargli l'aggravamento della misura cautelare hanno trovato un paniere con dentro delle carte. Forse erano le ultime indicazioni che non è riuscito a girare.


Gli è andata meglio quando se ne stava affacciato al balcone. Era sicuro di aggirare l'ostacolo delle intercettazioni. Ed invece il telefonino di chi era andato a trovarlo ha fatto da microfono. Ecco il dialogo captato fra Paolo Arata e Vito Nicastri: “Vito"; "... tu vieni un attimo in ufficio? Passi dall'ufficio?"; "... quella con Antonello… però io... secondo noi… ce l’ha spiegato… hai fatto un errore clamoroso... purtroppo… un errore clamoroso… è il firma… l’assegno la data ci hai messo quando l’amministratore non c'era già più… dovevi metterci la data sinché c'era l’amministrazione in corso... non il diciotto di ottobre"; "… poi lo aggiustiamo...”.

A volte Paolo Arata delegava il figlio a discutere "a distanza" con Nicastri. Gli agenti hanno scoperto lo stratagemma e si sono appostati nei pressi dell'abitazione. E hanno immortalato Nicastri mentre parlava con suo figlio e con quello di Arata, Manlio, anche lui partecipe degli affari del padre. Chi è detenuto ai domiciliari non può comunicare con l'esterno. La violazione ha provocato l'aggravamento della misura cautelare su richiesta dei pm di Palermo. Nicastri è tornato in carcere.