Live Sicilia

Europee

Il Pd presenta i candidati
Faraone: "Lista oltre le correnti"


pd candidati europee, pd lista europee, pd sicilia sardegna, Politica

Le parole dei sette candidati siciliani dei dem.


"Abbiamo scelto i nomi più adatti per rappresentare il nostro partito in Europa. Non ci sono sfide interne tra correnti come leggo accade tra i nostri concorrenti". Così il segretario regionale Davide Faraone introduce nella sede del partito in via Bentivegna i candidati alle Europee del Partito democratico, dopo aver ricordato Maria Fasolo e Gianni Parisi, scomparsi in questi giorni. Con lui i sette candidati espressione della Sicilia: Caterina Chinnici, Pietro Bartolo, Michela Giuffrida, Mila Spicola, Attilio Licciardi, Vitginia Puzzolo e Leo Ciaccio.

Faraone ricorda il lavoro svolto in questa legislatura al Parlamento europeo da Caterina Chinnici e Michela Giuffrida, le due uscenti. Poi sottolinea la presenza di Pietro Bartolo, "un punto di riferimento per chi crede nell'integrazione. La sua candidatura è una sfida a Salvini".

"Virginia Puzzolo rappresenta la competenza in Europa – aggiunge il segretario –. Poi ci sono due uomini, un sindaco e uno che è stato sindaco. Attilio Licciardi è stato un grande amministratore a Ustica. Leo Ciaccio è sindaco di Sambuca, Borgo dei borghi 2016. Poi c'è Mila Spicola che conoscete tutti per il suo percorso nel Pd per le battaglie per le donne e per l'istruzione", aggiunge Faraone che ricorda che domani ci sarà il segretario nazionale Nicola Zingaretti a Castelvetrano.

La parola passa ai candidati. Nessuno resiste alla tentazione di un mini-comizio. Caterina Chinnici ringrazia Zingaretti che l'ha voluta capolista "seppur da indipendente". "Ho deciso di ricandidarmi sull'onda del buon lavoro fatto nel contrasto alle mafie e al terrorismo". Chinnici riassume i risultati raggiunti nel corso della legislatura, a partire dalla nascita della procura europea. Bartolo ricorda il suo lavoro di medico a Lampedusa. "Abbiamo fatto le cose giuste e c'è stato riconosciuto dall'Europa", dice il medico che poi critica gli accordi con la Libia e prende le distanze dalle mose dei ministri dem sull'immigrazione. Michela Giuffrida ricorda il suo lavoro nella prima esperienza politica dopo 25 anni di giornalismo. "Il mio principio è stato lavorare a stretto contatto con la gente per portare l'Europa in Sicilia. Ho dedicato i venerdì, sabato e domenica al territorio che mi ha eletto per fate percepire che l'Europa è utile".

"Noi siamo l'alternativa al populismo", sintetizza Giuffrida. Licciardi ringrazia Zingaretti e Andrea Orlando: "I sovranisti vogliono distruggere l'Europa, i conservatori vogliono lasciarla com'è, noi vogliamo cambiarla in aspetto fondamentali", dice l'ex sindaco. Virginia Puzzolo, candidata da Carlo Calenda: "Rappresento la parte civica per Siamo europei. Sono un funzionario dell'Unione europea. Ho deciso di intraprendere un percorso politico il giorno dopo la Brexit. Dobbiamo riportare la gente a votare. Ho fatto una carriera veloce in Europa. È l'Europa il nostro futuro".

Mila Spicola: "La mia è la storia di una militante. La mia ossessione è che i ragazzi siciliani non vivano quello che vivono oggi. I ragazzi che vogliono fare se ne vanno, gli altri restano qua e non trovano lavoro". E infine Ciaccio: "Far parte di questa rosa è già una vittoria. Sono un amministratore che ha fatto parlare della sua città in tutto il mondo'.

Faraone risponde alla domanda dei cronisti: "L'obiettivo? Siamo un partito in crescita, vogliamo fare più delle Politiche". Tutti i candidati hanno detto che se eletti si iscriveranno al gruppo dei Socialisti e Democratici.