Live Sicilia

PALERMO

Pensioni, ricoveri e assenze
Gli spaccaossa 'costano' 60 milioni


arresti spaccaossa palermo, blitz polizia falsi incidenti, falsi incidente palermo, inchiesta spaccaossa palermo, ossa rotte palermo, truffa assicurazioni palermo, Cronaca, Palermo
Una parte del denaro sequestrato

Braccia e gambe rotte per truffare le assicurazioni: un danno enorme che pesa sulla collettività

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO – Non ci sono solo l'orrore e il degrado nella storia di chi, a Palermo, si faceva spezzare gambe e braccia per truffare le assicurazioni. Ci sono i numeri di un danno che pesa sulla collettività. Un danno stimato, a lungo termine, in sessanta milioni di euro.

Tra la prima e la seconda indagine, finanzieri e poliziotti, hanno calcolato circa 250 vittime di cui solo 92, almeno per il momento, sono state individuate. Gli investigatori stanno ancora spulciando e incrociando i dati per identificarle tutte. Dei 92 i casi più gravi sono quindici. Gente che, tra ricovero in ospedale e post dimissioni, ha accumulato 1042 giornate di assenza dal lavoro. Alcuni resteranno invalidi al 100 per cento e per tutta la vita. Altri hanno percentuali di invalidità inferiori. Questo significa che godranno, chi più e chi meno, di una pensione di invalidità o di un'indennità di accompagnamento. In teoria, nonostante la truffa, si tratta di costi che lo Stato, tramite l'Inps, deve accollarsi. In pratica i finanzieri stanno provando a bloccare le erogazioni.

Ci sono poi i costi ospedalieri. E sono notevoli, visto che 250 persone hanno ingolfato pronto soccorsi e reparti. C'è da dire che nessuno o quasi si era reso conto della strana incidenza di fratture negli incidenti stradali. Le cose sono cambiate dopo i primi arresti della scorsa estate. Il campanello di allarme è suonato in ospedale e nelle  compagnie di assicurazioni costrette a pagare indennizzi per oltre due milioni di euro. Indennizzi che si ripercuotono sui prezzi delle assicurazioni pagate dai cittadini.

Alla fine, ultimati i conteggi, sono gli stessi investigatori a stimare un danno complessivo che negli anni futuri raggiungerà i 60 milioni di euro.