Live Sicilia

VERSO LE COMUNALI

Il tour di Salvini: "Orlando chi?
Pensi prima ai palermitani"


bagheria lega, lega monreale, monreale salvini, salvin orlando, salvini bagheria, salvini monreale, salvini patrizio cinque, Politica

Il riferimento al sindaco di Palermo durante il comizio a Bagheria. Il leader della Lega anche a Corleone, Monreale e Caltanissetta.


"La Sicilia non è mafia, è lavoro, è cultura". Bagno di folla per il vicepremier Matteo Salvini nelle sue prime tre tappe siciliane, Corleone, Monreale e Bagheria. A Palermo, il ministro dell'Interno si è soltanto avvicinato ma al sindaco del capoluogo siciliano, suo acerrimo oppositore sul "decreto sicurezza", Salvini ha lanciato un messaggio chiaro: "Si occupi dei palermitani". Prima addirittura, raccogliendo un'esortazione dal pubblico, il leader della Lega ha finto di non conoscerlo: "Orlando chi? Non conosco Orlando, - ha detto, sul palco di Bagheria, facendo esplodere la piazza in un applauso; poi ha aggiunto -: Ogni volta che mi chiamano per dirmi arriva un barcone, lui dice me li prendo io a Palermo. Non faccia il fenomeno".

"In Italia e in Sicilia comunque - ha proseguito - non si arriva più, si arriva se si ha diritto. Ci sono troppi italiani senza lavoro: prima gli italiani, poi se avanza qualcosa arriverà ai cittadini stranieri. È buon senso e legittima difesa. Questo mi è costato minacce e probabilmente qualche processo, ma vado avanti. Se devo andare a processo perché ho difeso i confini e gli italiani lo faccio a testa alta e con orgoglio e continuerò a dire no, no, no". Poco prima, dal palco di Monreale, dove si è recato per sostenere la candidatura di Giuseppe Romanotto, Salvini ha spiegato che "con i soldi risparmiati nella battaglia contro l’immigrazione clandestina quest’anno cominceranno a lavoratore ottomila tra poliziotti, carabinieri e vigili del fuoco. Meno clandestini e più carabinieri".

A Bagheria, Salvini ha tenuto un comizio a piazza Matrice per il candidato sindaco Gino Di Stefano. "Attenti per chi votate a Bagheria, perché quello che doveva essere il sindaco del cambiamento non mi pare abbia ben operato, ma non voglio fare polemica", ha detto, concludendo il comizio a Bagheria e riferendosi al sindaco uscente Patrizio Cinque del M5s, coinvolto in inchieste giudiziarie.

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini nella sua tappa a Monreale ha sostato e deposto un mazzo di fiori davanti alla lapide dedicata ad Emanuele Basile, ufficiale dei carabinieri assassinato proprio a Monreale dalla mafia la sera del 3 maggio 1980. Il militare, originario di Taranto, stava rientrando a casa, insieme a sua moglie e sua figlia di quattro anni, dopo aver assistito alla processione per la festa del Santissimo Crocifisso. L'ufficiale aveva in braccio la figlia Barbara addormentata quando i sicari di Cosa nostra gli spararono numerosi colpi di arma da fuoco. Basile fece da scudo a sua figlia per proteggerla dai proiettili. Morì poi subito dopo in ospedale.

Il tour siciliano del leader della Lega proseguirà alle 21 a Caltanissetta, insieme al sottosegretario Stefano Candiani, dove Salvini presenterà il candidato sindaco Oscar Aiello e i candidati della lista della Lega. Domani, invece, sarà a Motta Sant'Anastasia, a Gela e a Mazara del Vallo.