Live Sicilia

PALERMO

"Tradito dalla presenza in Tv"
Sequestrate due pasticcerie


bar sequestro palermo, bast bakery palermo, beste bakery, beste bakery canale 8, inchiesta bar palermo, intestazione fittizia pasticcerie, michele giandalone, programma tv pasticceria, sequestro chantilly palermo, Cronaca, Palermo

Il titolare di Chantilly è indagato per intestazione fittizia.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - La conferma è arrivata dalla "prova Tv". La presenza dell'imprenditore sul piccolo schermo non è sfuggita agli investigatori. Era l'aprile del 2018 e Michele Giandalone partecipò a “Best bakery”, il programma in onda su Tv8. Una sfida tra  le pasticcerie palermitane. Strano, visto che ufficialmente Giandalone non era titolare di Chantilly in via Alcide Gasperi e Chantilly 2 in via Resuttana. Entrambi i locali, gestiti da una società con sede in via Ugo La Malfa, sono finiti sotto sequestro su richiesta del pubblico ministero Claudia Ferrari.

Giandalone è indagato per intestazione fittizia di beni. Sarebbe rimasto nell'ombra affidandosi a due prestanome. Perché? Temeva una misura di prevenzione patrimoniale. Il suo nome, infatti, non è nuovo alle cronache giudiziarie. Sorvegliato speciale, di lui gli investigatori ricordano le frequentazioni con alcuni mafiosi di Palermo e provincia, Giandalone è stato anche indagato per evasione fiscale quando era proprietario di un autosalone a Corleone. E così per evitare che le pasticcerie finissero sotto sequestro le avrebbe schermate affidandole a due "teste di legno.".

La società Chatilly è stata costituita nel 2014, mentre la Chantilly 2 nel 2016. Gli amministratori risultano essere Mario Granata e Salvatore Marsala. Che il vero dominus fosse Giandalone, però, emergerebbe da una serie di intercettazioni telefoniche e da alcuni controlli effettuati da agenti della Dia, finanzieri, e carabinieri dell'ispettorato del lavoro. Hanno fatto visita a più riprese nei locali e vi hanno sempre trovato Giandalone che, una volta terminate le ispezioni, si è affrettato ad avvertire, ad esempio, il consulente del lavoro affinché regolarizzasse la posizione dei dipendenti in nero. Era lui a dettare la linea a Marsala e Granata, sia nelle piccole che nelle grandi incombenze: dall'organizzazione degli aperitivi alle forniture. Dagli accertamenti bancari è emerso che Granata e Marsala non aveva redditi tali da giustificare gli investimenti. Le due pasticcerie proseguono l'attività in amministrazione giudiziaria.