Live Sicilia

Assalto alla Serie A

Daniel, la nonna e il ghiacciolaro
Palermo, adesso vinci per loro


benvenuto caminiti, claudio bellusci, domenico simonetti, gaetano musella, giampaolo montesano, gianluca berti, Palermo Cittadella barbera, Palermo concettina kalsa, palermo daniel, palermo promosso, palermo promozione, palermo serie a, palermo-cittadella, Palermo

Palermo-Cittadella. La partita più importante della stagione. E le storie che l'accompagnano.

VOTA
0/5
0 voti

Il Palermo è Daniel, figlio di Turiddu siciliano di Germania e tifosissimo, che ha avuto meno anni di quelli che chi lo amava avrebbe voluto.
Eugenio Corini, grande Capitano, grandissimo uomo, gli mandò una sua maglia autografata fino a Francoforte. Non sappiamo, perché non c'eravamo, quanti furono i sorrisi intorno al dolore, ma possiamo immaginarli. La fine della partita arriva per tutti, conta la felicità che hai addosso quando esci dal campo.

Il Palermo è Concettina, signora della Kalsa, che guardava Palermo-Triestina, aspettando la resurrezione in serie A come tanti, attaccata al maxi-schermo in piazza. Quella sera, Concettina chiese di sedersi e le offrirono una postazione di fortuna. Non appena la natica di Concettina sfiorò la sediolina sgarrupata che le avevano messo a disposizione, il Palermo segnò. Non lasciarono, per scaramanzia, che si alzasse mai più, portandole acqua, caffè e gazzosa alla bisogna. Forse è ancora a piazza Kalsa, Concettina, in attesa di un altro gol.

Il Palermo è una nonna che, il lunedì mattina, comprava i giornali sportivi e ritagliava gli articoli di suo nipote per conservarli. Così facendo, era tornata a tifare rosanero, lei che seguiva il calcio un po' da lontano, perché era segretamente innamorata di Stefano Tacconi.

Il Palermo è Domenico Simonetti, farmacista per diletto e innamorato per professione. Se vai da lui, in via Roma, la pressione si abbassa per magia, mentre ti narra le gesta degli eroi in rosa o di quando passava a trovarlo Gasbarroni e prendevano il caffè insieme.

Il Palermo è Benvenuto Caminiti, poeta dello stadio, che la partita la segue stringendo il bavero del cappotto, come per difendersi dalle troppe emozioni. Poi torna a casa, apre il pc e ci sbatte il suo cuore macinato, nel frangente stesso in cui pulsa più forte. Un elettrocardiogramma in versi.

Il Palerrmo è la finale di Coppa Italia contro la Lucchese, un biglietto cercato ma non trovato e il cardiopalma dei calci di rigore decisivi fuori dalla Favorita non ancora 'Barbera', cercando di capire l'esito dai boati. Fu il silenzio tombale a comunicare la sconfitta mentre la gente sfilava via con gli occhi di un sogno arreso alla realtà.

Il Palermo è la domenica, o il sabato, della festa. E vorresti che durasse in eterno, scongiurando le profezie del lunedì. Il Palermo è Giampaolo Montesano che, a furia di dribblare, sarà arrivato sulla luna da molti anni ormai. Il Palermo è Gaetano Musella: quattro gol al Casarano che neanche Maradona... Il Palermo è Gianluca Berti (portiere) che scatta in attacco e dribbla e scambia con Roberto Biffi, con serenità, tanto lo sa che dopo qualche secondo ci sarà il pareggio, all'ultimo minuto.

Il Palermo è 'Sasà', cinese che tifava Palermo che a Palermo riposa in una tomba a due passi dal mare. Il Palermo è affrontare il giorno dopo. Dal numero dei 'cucì' e 'compà', si capisce come è andata il giorno prima, anche se non hai preso il giornale. Il Palermo è il ghiacciolaro che in America sarebbe un campione di baseball: ovunque tu sia, il 'ghiaccioloallarancio' ti raggiunge con una traiettoria calibratissima. Il Palermo è la rovesciata di Santino Nuccio che si insacca. Il Palermo è la voce rotta di Claudio Bellusci che si incazza.

Il Palermo è la speranza che, se si vince, domani non sarai interrogato in matematica. Il Palermo è la speranza che ci sia luce oltre le macerie. Il Palermo è la speranza.

Oggi il Palermo, questo Palermo, scenderà in campo contro il Cittadella per la serie A, allontanando a calci i cattivi pensieri. Non dipende soltanto da noi, ma dalle notizie della radiolina (siamo antichi) e da troppo altro. Ma i sogni sono fatti apposta per sospendere l'amarezza e la paura e di sogni abbiamo fame, per quanto è consentito sognarli.

Questo Palermo scenderà in campo con la maglia cucita di tutto quello che il Palermo è per i palermitani. Può vincere, perdere o pareggiare, come sospettiamo sia noto. Eppure, comunque vada, qualunque cosa accada -  ecco la vera magia, il miracolo, l'alchimia incomprensibile a chi non l'ha mai sperimentata - l'amore di Daniel, della nonna, dei dribbling fino alla luna e di Concettina della Kalsa, questo infinito amore rosanero, non passerà mai.