Live Sicilia

Amministrative

"Da qui la volata per le Europee
M5s contro inciuci e ultradestra"


amministrative sicilia, di maio caltanissetta, elezioni amministrative, giancarlo cancelleri, luigi di maio, movimento cinque stelle, Caltanissetta, Politica

Di Maio a Caltanissetta festeggia le vittorie nel capoluogo nisseno e a Castelvetrano: "Il 26 maggio 'meraviglieremo' tutti"

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - "Da qui partirà un'onda che porterà il movimento a 'meravigliare' tutti anche alle elezioni europee".
Luigi Di Maio sale sul palco di Caltanissetta per festeggiare la vittoria di Roberto Gambino nel capoluogo nisseno e di Enzo Alfano a Castelvetrano, ma lancia già la volata per il voto del 26 maggio. "Adesso testa bassa e lavorare per i prossimi dieci giorni", aggiunge.

Il 'capo politico' del Movimento cinque stelle incassa le vittorie nei ballottaggi e dopo avere lanciato l'immancabile stoccata al 'nemico' di Sicilia Gianfranco Miccichè ("contrastiamo un sistema che qui ha il suo volto") tira un sospiro di sollievo perché tra i vincitori dei cinque ballottaggi non ci sono i volti dell'amico-nemico leghista: "A Gela ha vinto l'accozzaglia formata dal Partito democratico e da Forza Italia - ricorda Di Maio -. Dove non vinciamo noi vincono i trasformismi e il voto al movimento - sottolinea il vicepremier - è un voto che evita gli 'inciuci' e le follie dell'ultradestra dilagante". La Lega non viene mai citata ma il riferimento è più che evidente dal momento che a Gela e a Mazara del Vallo erano in campo anche due nomi del Carroccio. E ancora, rivolgendosi alla piazza di Caltanissetta: "Siete un simbolo di riscatto di questo Paese. Avete dimostrato quando il voto è libero i cittadini scelgono il cambiamento. Di noi potete fidarvi, non vi tradiremo mai".

Sul palco, oltre ai "sindaci di frontiera" di Castelvetrano e Caltanissetta, anche Giancarlo Cancelleri, padrone di casa: "Un grande amico da onorare e ringraziare - è l'investitura di Di Maio -, non ha mai mollato". Poi la promessa ai due nei eletti: "Il governo nazionale è dalla parte di questi sindaci: "Vi staremo accanto anche dopo le elezioni". Una promessa che attendeva sicuramente Alfano, dal momento che da domani sarà chiamato a dirigere un Comune al termine di un commissariamento per mafia durato due anni. Da qualche mese, inoltre, il Comune trapanese ha dichiarato dissesto finanziario.