Live Sicilia

Agrigento

Sea Watch, ok del pm al sequestro
Indagato il comandante Centore


arturo centore, indagato comandante sea watch, luigi patronaggio, matteo salvini, sea watch 3, Agrigento
(Foto Facebook)

Toninelli: "Bene". Salvini esulta

VOTA
0/5
0 voti

AGRIGENTO - Il Pm di Agrigento Cecilia Baravelli ha convalidato il sequestro della nave 'Sea Watch 3' eseguito dal Roan della guardia di finanza di Palermo. Il provvedimento è stato notificato all'unico indagato, il comandante Arturo Centore che è stato convocato per domani, alle 12, in Procura ad Agrigento per essere interrogato dal procuratore aggiunto Salvatore Vella che, insieme al capo dell' ufficio Luigi Patronaggio e al pm Alessandra Russo, sta coordinando l'indagine. Centore è accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il provvedimento è stato notificato dalla Guardia di finanza nel momento del sequestro probatorio della nave della Ong. Centore, che ha nominato come difensori gli avvocati Leonardo Marino e Alessandro Gamberini, è il primo indagato dell'inchiesta che era stata aperta, in un primo momento, contro ignoti. Il procuratore Luigi Patronaggio, già ieri sera, aveva annunciato che "si valuteranno le responsabilità della Ong". 

La Sea Watch 3, intanto, è appena arrivata al porto di Licata (Ag). Ad accoglierla un gruppetto di persone che ha applaudito al suo approdo. Nel porto di Licata ci sono adesso due imbarcazioni, di altrettante Organizzazioni non governative, poste sotto sequestro. Ormeggiata nel porto agrigentino infatti c'è anche la nave Mare Jonio.

"Indagato per favoreggiamento il comandante della Sea Watch? Questo dimostra che non è Matteo Salvini il cattivo con le ong e conferma conferma quello che sostengo da mesi, e cioè che favoriscono l'immigrazione clandestina e aiutano gli scafisti. E se c'è una procura che lo conferma il mio lunedì è un bel lunedì". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a La 7.

"La magistratura è indipendente, ci sono leggi e testi unici, ben venga il sequestro del mezzo gestito dalla magistratura attraverso la Gdf". Lo ha detto il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, a margine di una conferenza stampa in Regione Lombardia, parlando del sequestro della Sea Watch da parte dei pm di Agrigento.

LEGGI ANCHE

Lo sbarco in diretta, furia Salvini in tv

Le chiese protestanti: "Pronte ad  accogliere i migranti"