Live Sicilia

PALERMO

"Cultura della prova e riservatezza"
Gli avvocati ricordano Falcone


L'avvocato Fabio Ferrara

La nota del presidente della camera penale Fabio Ferrara.

VOTA
0/5
0 voti

Riceviamo e pubblichiamo una nota della Camera penale di Palermo, nel giorno in cui si ricordano le vittime della strage di Capaci.

"A ventisette anni di distanza da quel tragico 23 maggio 1992, la Camera Penale di Palermo ricorda l’alto senso dello Stato, lo spirito democratico, la cultura della prova e la riservatezza che caratterizzavano la figura e l’attività professionale del Dott. Giovanni Falcone, da magistrato prima e da direttore degli affari penali del Ministero della Giustizia successivamente.

Tali prerogative costituiscono il patrimonio genetico degli operatori del diritto e di tutti gli attori del processo.

“Professionalità – si legge in uno dei suoi scritti – significa innanzitutto adottare iniziative quando si è sicuri dei risultati ottenibili. Perseguire qualcuno per un delitto senza disporre di elementi irrefutabili a sostegno della sua colpevolezza significa fare un pessimo servizio”.

Si tratta di un insegnamento essenziale e attuale, perfettamente in linea con i principi costituzionali del giusto processo e della presunzione di non colpevolezza, la cui validità merita di essere ribadita ancora oggi, affinché la memoria, piuttosto che un mero esercizio retorico, assuma le sembianze di una sacrale immersione nel passato e nel vissuto del Dott. Falcone, perché la storia è maestra di vita.

Il presidente della Camera Penale di Palermo, avvocato Fabio Ferrara ed il Direttivo