Live Sicilia

EUROPEE 2019

Lampedusa sceglie la Lega
Bartolo non vince in casa


bartolo voti lampedusa, europee lampedusa, lampedusa europee, lampedusa risultati europee, lega primo partito lampedusa, Politica

Più di 300 voti di differenza e venti punti percentuale. I lampedusani dicono no ai "porti aperti"


Il medico di Lampedusa Pietro Bartolo in casa non vince: sulle due isole delle Pelagie, il partito più votato è la Lega di Matteo Salvini, che prende 624 voti e conquista ben il 45,85%. Il Pd del dottore dei migranti si piazza secondo, ma ben distante: con soli 286 voti, di cui 250 per Bartolo, raggiunge soltanto il 21,01%. Terzo partito è il Movimento 5 stelle, con il 16,83%. L'affluenza è stata soltanto del 26,62%

Il divario tra Lega e Pd, proprio a Lampedusa, è sorprendente e sembra lanciare un messaggio chiaro: la maggior parte della popolazione dell'isola, spesso primo approdo per i migranti, ha preferito la politica dei porti chiusi e ha scelto di mandare il leader del Carroccio Salvini a Bruxelles per discutere di accoglienza, invece del dottor Bartolo. E dire che la forza di Bartolo ha trascinato i dem in tutta la circoscrizione Isole.

"I due comuni che la sinistra ha scelto come simbolo, dell'antisalvini, Riace e Lampedusa, vedono la Lega primo partito", ha detto Salvini in conferenza stampa nella sede della Lega, a Milano. "Quella sui migranti - ha aggiunto - sarà la prima battaglia in Europa". Lo striscione che campeggia sulla porta d'Europa a favore dell'accoglienza appartiene, forse, soltanto a una ristretta minoranza. Almeno, questo sembrano dire i dati di queste Europee.

"Quella di Salvini a Lampedusa è una vittoria di Pirro: il 73,3% degli elettori non ha votato. Salvini ha preso solo 600 voti su 5.274 elettori, di cui solo 1.404 si sono recati alle urne appena il 26,62%", dice il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, commentando il voto delle europee nell'isola. Oltre all'astensionismo, il sindaco punta il dito verso il Pd contestando i vertici locali dei dem. "Il segretario locale ha boicottato Pietro Bartolo, basta leggere i suoi post", afferma Martello. "Quasi il 74% di astensione vuol dire che evidentemente i lampedusani si sentono abbandonati dalle istituzioni e dal governo", spiega Martello. "Quanto alle preferenze di lista - aggiunge il sindaco di Lampedusa - credo che il voto per la Lega possa essere interpretato in molti modi, ma è certamente un risultato che non deve essere sottovalutato. Così come bisogna riflettere sui numeri raccolti dal Pd sull'isola, numeri che - considerando che in lista c'era il 'nostro' Pietro Bartolo, al quale faccio i migliori auguri di buon lavoro - potevano e dovevano essere migliori: credo che in questo senso il segretario del Circolo locale del Partito democratico abbia dimostrato la sua inadeguatezza".